Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Un primo giorno di scuola e di speranza. Persiani fa visita ai piccoli alunni: «Le istituzioni vi sono vicine» foto

Il sindaco di Massa ha salutato i bambini delle elementari. «Importante farsi conoscere e lanciare un messaggio. Ci auguriamo che quest'anno sia più sereno rispetto a quello passato»

MASSA – Il rientro dalle vacanze è un giorno sempre particolare per i tanti studenti che torneranno a sedersi dietro i banchi di scuola. C’è chi sta vivendo un’emozionante prima volta e chi, invece, tornerà nelle aule per ritrovare compagni e maestre già conosciute, con cui condividere un altro lungo anno scolastico. Ma, per tutti quest’anno, l’inizio della scuola è l’inizio di una speranza. Speranza che possa iniziare, in parallelo ai programmi scolastici, un percorso in sicurezza verso il ritorno alla normalità.

Per celebrare questo importante giorno per tanti studenti e tante studentesse, il sindaco di Massa, Francesco Persiani, insieme all’assessore all’Istruzione Nadia Marnica, ha fatto visita a 3 scuole elementari cittadine. Alle 9.00, il primo cittadino massese è arrivato alla scuola di via Casamicciola, a Marina di Massa, dove è stato accolto dagli alunni della 5A che hanno intonato l’inno di Mameli. Il sindaco ha poi proseguito la mattinata prima nella scuola di Turano, poi nella scuola di Castagnola dove l’ha raggiunto anche il prefetto di Massa-Carrara.

«Ogni anno scegliamo un plesso diverso da visitare, – ha dichiarato il sindaco Persiani – credo che sia importante farsi conoscere e far capire che le istituzioni ci sono, sono vicine alle famiglie, agli studenti e alla scuola. Ci auguriamo che quest’anno possa andare meglio, in modo più sereno e tranquillo rispetto a quello passato, che è stato duro. Speriamo che quest’anno possa procedere con un po’ più di normalità, che è un termine che stiamo perdendo di vista».

Insieme ai rappresentanti delle isituzioni del territorio, poi, anche una delegazione di Gaia ha voluto presenziare nelle scuole di Massa, con un piccolo regalo per tutti gli studenti: una borraccia. “Marina”, questo il nome scelto da Gaia per la borraccia regalata nelle scuole, con tanto di tartaruga disegnata sopra. Un simbolo da lasciare ai piccoli studenti. Un simbolo per continuare la lotta la consumo della plastica che, spesso, finisce nei nostri mari.