Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Marmettola lungo il sentiero, l’allarme del Grig: «Pericolo infiltrazioni» foto

La nota dell'associazione: «Intendiamo allertare gli enti preposti al controllo del territorio per quanto potrebbe accadere con le previste importanti piogge dei prossimi giorni»

MASSA-CARRARA –  È allarme infiltrazioni lungo il sentiero Cai 182, partendo da Pianello della Piastra in direzione Campocecina. In questo tratto l’associazione Gruppo d’Intervento Giuridico Onlus (Grig) ha segnalato la presenza di “aree importanti di stoccaggio di massi e residui terrosi-polverosi-marmettola, in particolar modo all’interno del Reticolo Idrografico Regione Toscana Canale di Lorano”. “In area adiacente al compluvio canale Fosso di Torano – Fosso degli Angeli – – spiega in una nota il Grig -, è stata aperta una nuova strada che parte dalla viabilità principale di Ravaccione (sentiero CAI 40) e che, salendo in costa di monte, giunge ad una piazzola realizzata con probabile spianamento di mezzi meccanici, sopra ciò che sembra una montagna di scarti di cave e, probabilmente, marmettola”.

E con il maltempo previsto per i prossimi giorni, le preoccupazioni dell’associazione salgono. “Con la presente segnalazione –  si legge nella nota indirizzata a Comune di Carrara, Arpat, Regione Toscana, Provincia, Carabinieri Forestali, Capitaneria di Porto, Ministero della Cultura e Ispra – intendiamo allertare gli enti preposti al controllo del territorio per quanto potrebbe accadere con le previste importanti piogge dei prossimi giorni e le conseguenti probabili infiltrazioni nel suolo e nel sottosuolo di questo materiale che, sparso un po’ dappertutto e in quantità considerevole, è per noi un rifiuto, fatto che potrà meglio essere accertato da chi di dovere”.

“Si richiama infine – chiudono dall’associazione – e con particolare attenzione, l’art. 29 del PABE, Tutela delle acque superficiali, e l’art. 300 del TUA, al fine di verificare se la presenza e il deposito al suolo di questo materiale sia configurabile quale danno ambientale o minaccia di esso”.