Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Green pass e scuole, Massa-Carrara riparte con fiducia: «Pochissimi i non vaccinati»

La dirigente dell’ufficio scolastico territoriale di Lucca e Massa-Carrara Donatella Buonriposi non prevede particolari problemi: «Partiremo con l'inno nazionale, vogliamo dare una dimostrazione di identità e di unità di intenti»

MASSA-CARRARA – Conto alla rovescia a Massa-Carrara per la prima campanella del nuovo anno scolastico che suonerà domani, 15 settembre. Un ritorno fra i banchi questa volta a tutti gli effetti, con la didattica in presenza al 100% e la Dad per il momento accantonata. E’ una scuola che riparte con fiducia quella che si appresta ad affrontare l’ennesima sfida in questa pandemia. Con una novità rispetto a quelle precedenti: l’obbligo di green pass per il personale scolastico. L’ultimo decreto legge varato dal Governo prevede infatti, fino al prossimo 31 dicembre, che chiunque acceda alle istituzioni scolastiche, educative ed informative possieda la certificazione verde. Dall’obbligo sono esclusi al momento bambini e studenti e frequentanti dei sistemi regionali di formazione, ad eccezione di coloro che prendono parte ai percorsi formativi degli istituti tecnici superiori. ), mentre sono tenuti ad esibire il green pass i genitori che eventualmente entrino nelle strutture per accompagnare i figli. Un punto, quest’ultimo, che sta facendo discutere, specialmente nel contesto delle scuole primarie e dell’infanzia. Ma a riguardo, la dirigente dell’ufficio scolastico territoriale di Lucca e Massa-Carrara Donatella Buonriposi non prevede particolari problemi: “Dentro la scuola non può entrare nessuno che non abbia il green pass – ribadisce – per cui nemmeno i genitori. C’è chi sostiene che i bambini più piccoli debbano essere accompagnati per mano, ma solitamente questo accade soltanto nei primi giorni di scuola. E in ogni caso, ci sono sempre gli insegnanti. Perché, e questa è la novità più importante di quest’anno, con la ripartenza della scuola tutti gli insegnanti e i bidelli finalmente saranno al loro posto”.

In provincia, secondo la dirigente dell’ufficio scolastico, sono pochissimi i casi di personale scolastico non vaccinato. “Forse si contano sulle dita di una mano. C’è chi presenterà il green pass perché ha fatto il vaccino, e chi perché si è sottoposto a tampone. Nessuno entra senza certificazione”. Ad eccezione degli studenti: per loro l’obbligo non c’è. “Ma la maggioranza è vaccinata – sottolinea Buonriposi -. Qualche quarantena ci sarà anche quest’anno, ma sarà di una settimana per chi è vaccinato e di 10 giorni per chi non lo è”. Al di là della novità green pass, non cambiano le regole anti-contagio all’interno delle strutture scolastiche: distanziamento e mascherine rimangono i punti fissi all’interno delle aule e degli spazi comuni. E a proposito di spazi, anche quest’anno si dovrà fare i conti qualche problematica organizzativa e di gestione. “Si tratta di situazioni – precisa la dirigente – non tanto dovute al covid, ma a ristrutturazioni e lavori che la Provincia sta facendo per mettere a posto le strutture”.

Il clima è di positività e di ottimismo in una realtà, quella scolastica, che nell’ultimo anno e mezzo ha dovuto far fronte allo stravolgimento delle abitudini portato dal virus mettendo a dura prova studenti e insegnanti. Adesso però, il mondo della scuola riparte unito. “Partiremo tutti con l’inno nazionale – annuncia Buonriposi -. Alle ore 10.00 è prevista l’alzabandiera. Il Ministro ha detto che la scuola che torna in presenza al 100% rappresenta il Paese, e anche noi vogliamo dare questa dimostrazione di identità e di unità di intenti. Già molte scuole, a Massa-Carrara, hanno dato il loro consenso”.