Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Poveromo, Italia Nostra a confronto con il Comune: «Inutile intervenire alla foce. Il problema è a monte»

Si è tenuto lunedì 6 l'incontro tra l'associazione e la Commissione Ambiente. La proposta di Marco Betti: "Stombare i fossi a monte e utilizzare le risorse disponibili per regimentare con intelligenza e accortezza le acque che afferiscono al Magliano e al Canalmagro-Fescione"

MASSA – Si è tenuto lunedì 6 settembre, l’incontro tra Italia Nostra e la Commissione Ambiente del Comune di Massa, che intendeva essere informata sui contenuti della riunione tenutasi lo scorso 3 agosto tra il Consorzio di Bonifica e le associazioni riguardo agli interventi sull’area di Poveromo. Marco Betti, rappresentante di Italia Nostra (sez. Massa-Montignoso), ha sottolineato come la proposta del Consorzio fosse inadeguata sotto diversi profili, in primis per l’impatto sull’arenile di una cassa di cemento larga 10 metri che avrebbe “deturpato definitivamente l’area del Poveromo, distruggendone la biodiversità”. E con ancora maggiore chiarezza ha spiegato come questa opera sia “del tutto inutile, per la semplice ragione che alla foce non c’è mai stata nessuna esondazione e di acqua ce n’è poca”. “Il problema invece – ha sottolineato – si pone a monte, dove sono stati tombati i fossi che così impediscono il deflusso delle acque”.

Il rappresentante di Italia Nostra ha proposto quindi di stombare quei fossi a monte e di utilizzare le risorse disponibili per regimentare con intelligenza e accortezza le acque che afferiscono al Magliano e al Canalmagro-Fescione, che “hanno portate assai maggiori e abbisognano di interventi cospicui attraverso anche la bonifica della Buca Degli Sforza e la riattivazione della idrovora che porta quelle acque nel Versilia”.