Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

In Lunigiana una piscina per i bambini con la precedenza ai diversamente abili

A Tresana prende vita un progetto inclusivo, lunedì sarà posato il primo mattoncino

TRESANA – «All’area sportiva recentemente riqualificata con il campo da calcetto manca un tassello che contiamo di realizzare nei prossimi 3 anni – afferma il Sindaco di Tresana (Massa-Carrara) Matteo Mastrini -. Si tratta di una piscina che abbia come priorità i bambini e soprattutto i bambini diversamente abili». Un progetto specifico quindi, già condiviso da importanti associazioni del territorio: «Felice che già lunedì metteremo il primo mattoncino per la costruzione della piscina inclusiva. Insieme con la Provincia di Massa Carrara e la Consulta provinciale disabilità, l’Associazione provinciale paraplegici, l’Associazione Arcobaleno della Vita, Pro Loco, Le mie Radici e Amici di Elsa daremo vita al progetto».

Una piscina aperta a tutti, ma in cui le priorità siano i diritti di chi non ne ha: «Desidero ringraziare il presidente della Provincia di Massa Carrara, Gianni Lorenzetti, il presidente della Consulta provinciale disabilità, Pierangelo Tozzi, il presidente dell’Associazione provinciale paraplegici, Giacomo Perfigli, la presidente dell’associazione Arcobaleno della Vita, Alessia Bassignani, la presidente della Pro Loco Tresana, Stefania Tonelli, la presidente dell’Associazione Le mie Radici, Gisella Trusso e la presidente dell’Associazione Amici di Elsa, Manuela Bondielli».

Nella piscina inclusiva sarà inoltre applicato il metodo aquananda, ideale per i bambini con gravi difetti posturali o ipotonia del tronco, che grazie alla percorso in acqua riescono a stare seduti e si preparano al portamento eretto. Tetraparesi spastiche con ipertono, grazie a questo metodo, riescono a distendersi e fare movimenti che prima non facevano. «Ci aspetta un grande lavoro – aggiunge il sindaco di Tresana -, ma siamo molto motivati a raggiungere questi importanti obiettivi di valenza sociale e solidale».