Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

E’ plurivaccinata, ma non ha diritto al Green pass: la disavventura della giovane massese continua

Al suo fianco interviene il difensore civico regionale Sandro Vannini, che si appella alla Regione Toscana, al Ministero della Salute e all'Asl

MASSA – Il 9 maggio scorso, una ragazza massese di 23 anni è stata protagonista di un evento rimbalzato per giorni sui social e sui mezzi di informazione di tutta Italia poiché le erano state inoculate ben sei dosi (quattro per l’Asl) di vaccino anti Covid-19. Nonostante il raddoppio, però, ad oggi la giovane non può ottenere il green pass diventato obbligatorio per accedere a diversi servizi, per lavorare e per viaggiare nel resto d’Europa. Necessario, dunque, l’intervento del difensore civico regionale Sandro Vannini, che si appella alla Regione Toscana, al Ministero della Salute e all’Asl affinché il nodo venga sciolto: «Serve un riscontro diretto in merito all’effettiva impossibilità di rilasciare il Green Pass vista la particolare situazione, oppure alla possibilità di farlo considerato che si possa comunque certificare l’avvenuta copertura vaccinale. Mi chiedo se non sia possibile un approccio pragmatico, basato sull’interpretazione letterale della normativa che consente il rilascio del certificato a chiunque abbia ricevuto almeno una dose.»