Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Manifestazione ‘no green pass’, esposto di Benedetti sugli assembramenti

Il presidente del consiglio comunale di Massa si rivolge al Prefetto: «Situazione esplosiva che deve necessariamente essere controllata e bloccata dallo Stato con tutti gli strumenti a disposizione»

MASSA – Il presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti ha presentato un esposto in seguito agli assembramenti formatisi in piazza Aranci durante la manifestazione contro il green pass di alcuni giorni fa. A renderlo noto è lui stesso attraverso una nota: “Le immagini dimostrano palesemente il mancato rispetto delle norme di Sicurezza anti-covid durante la manifestazione No Green pass organizzata dai No Vax in piazza Aranci a Massa – spiega -, come, d’altronde, è accaduto in tante città italiane. I manifestanti pur tanti che siano stati, erano assembrati a centinaia e pochissimi portavano le mascherine di sicurezza e ciò , a mio avviso, è stato un comportamento  molto pericoloso e irrispettoso per tutta la nostra comunità che in termini di covid ha già dato molto e in questo modo rischia di tornare ai giorni più bui del lockdown. E’ vero che negli ultimi giorni sono raddoppiate le prime dosi di vaccino e 30 milioni di Italiani sono ormai immunizzati, ma l ISS ha informato che il 71% dei ricoveri e il 69% dei morti provengono dai No Vax, un dato che se reale, è molto preoccupante proprio per le manifestazioni No Green pass che rischiano di aumentare a vista d’occhio e con esse di conseguenza anche i contagi e i decessi, basta pensare che il bollettino sui nuovi contagi emanato ieri, conferma il trend di crescita con 5.140 positivi in più in 24 ore e con 260.000 tamponi effettuati che inalzano il tasso di positività al 2%”.

“In queste piazze – continua Benedetti – le manifestazioni, ovviamente e tassativamente non autorizzate, si sono trasformate in alcuni casi in risse e aggressioni, urla e insulti al governo e alle istituzioni, a politici e giornalisti, abbiamo osservato stelle di Davide e Green pass paragonati a svastiche : su molti cartelli esibiti dai manifestanti c’era l’analogia con la discriminazione razziale – Non vaccinati = Ebrei , insomma centri sociali e estremisti di destra che hanno utilizzato lo stermino degli ebrei (Olocausto) come strumento per una battaglia che non è comprensibile e neanche accettata dalla stragrande maggioranza dei cittadini. In alcune città sono stati attaccati esponenti politici, come i militanti di FI di Pescara, che stavano raccogliendo pacificamente le firme per i referendum sulla giustizia e sono stati aggrediti materialmente dai manifestanti. Come l’aggressione vergognosa e incivile avvenuta ieri a Firenze  ai danni del giornalista Saverio Tommasi, al quale va tutta la mia personale solidarietà. Insomma, una situazione esplosiva che deve necessariamente essere controllata e bloccata dallo Stato con tutti gli strumenti a disposizione. Nel merito, non ho compreso il motivo per il quale le Forze dell’ Ordine non sono intervenute all’ Interno di Piazza Aranci per allontanare i manifestanti, eliminando il pericoloso assembramento che si era creato”.
“Per quanto sopra – chiude il presidente del consiglio comunale – chiedo al signor Prefetto di Massa-Carrara, referente in loco del Governo, di attivarsi per prevenire ogni rischio contagio, non autorizzando in città manifestazioni No Vax e No Green pass e sopprimendo qualsiasi tentativo di manifestazione abusiva che potrebbe diventare uno strumento di contagio.  Per quanto riguarda il comportamento inaccettabile dei manifestanti, che hanno vergognosamente paragonato le persone che non vogliono vaccinarsi agli ebrei perseguitati e sterminati dai nazisti, dimostrando in questo modo una crudele leggerezza , priva di cognizione di causa e conoscenza della storia, chiedo che sia avviata un’inchiesta per individuare e denunciare i profanatori della storia e con essa della tragedia ebraica e quindi anche per denunciare i manifestanti non autorizzati perseguendolo penalmente e civilmente”.