Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Rampe su A12 in apertura oggi, ma Albiano Magra continua a soffrire: «Rabbia e frustrazione»

AULLA – A scrivere il comitato SalviAmo Albiano, appoggiato da Cna Massa-Carrara, che solleva il problema economico scatenato dalla caduta del ponte in concomitanza alla pandemia: «Abbiamo sollecitato Governo e Regione  ad adottare misure urgenti e immediate di sostegno finanziario alle attività, vittime dell’incuria per il cedimento di una struttura importante come il Ponte, più volte segnalata e mai seriamente valutata. Rabbia, tristezza, frustrazione ed ora? Proviamo anche un’immenso senso di solidarietà per Valter Nobili, che per non cedere al disastro che la mancanza di viabilità ha provocato alla sua attività, si priva di un bene di prima necessità per poter raggiungere il suo negozio. E oggi, 16 luglio, apriranno le rampe a Ceparana che, come abbiamo sottolineato più volte, non porteranno nessun sollievo alle attività di Albiano in quanto non ripristineranno il passaggio veicolare. La montagna di rabbia viene ulteriormente incrementata dal fatto che ad oggi si sta ancora  perdendo tempo su chi o quale comune potrà usufruire delle rampe gratuitamente. Proprio ieri abbiamo sentito il commissario Soccodato e niente è stato ancora deciso. Decisione a nostro avviso superflua perché le rampe  provvisorie su A12, fatte in sostituzione del ponte crollato e con lo stanziamento ministeriale, dovrebbero essere gratuite per tutti fino al termine della costruzione del nuovo ponte sul fiume Magra.»

Anche la Cna di Massa-Carrara, che fin dal primo momento del crollo del Ponte di Albiano Magra è stata al fianco dei cittadini e delle imprese arrivando anche a costituirsi “parte civile” nel procedimento giudiziario, esprime il proprio sconcerto nel considerare che alla vigilia dell’apertura delle rampe non sia ancora pervenuta una formale comunicazione da parte dell’Anas, della Salt e/o altri Enti, che chiarisca le esenzioni dei pedaggi e il sistema dei rimborsi, considerando che tali esenzioni devono essere gratuite per tutti i cittadini e le imprese della Lunigiana e non solo, e al riguardo la Cna evidenzia che la gran parte dei cittadini è sprovvista di telepass e pertanto è necessaria una deroga a questo sistema di controllo.