Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Bernardeschi campione d’Europa, per lui lacrime e sorrisi. «Ci abbiamo sempre creduto» foto

Il calciatore di Carrara: «Siamo sul tetto d’Europa: non potevo essere ripagato in maniera migliore»

CARRARA – Quando Gigio Donnarumma ha parato l’ultimo rigore della serata e l’Italia è diventata Campione d’Europa, giocatori e staff hanno sprigionato tutta la loro gioia e felicità per il grande traguardo ottenuto. È stata l’occasione per liberare ansie e tensioni di un mese entusiasmante e ricco di emozioni. Nel caso di Bernardeschi, però, lo sfogo è dovuto anche a una stagione difficile. Il suo urlo di liberazione è per il lieto finale di un’annata complicata, come ha riferito lui stesso nel post gara con gli occhi lucidi.

«Io ho sofferto tanto quest’anno. Non è stata una stagione semplice per me. Quando fai una stagione come questa – ha riportato Skysport – a volte le cose si complicano. Per me però esiste un solo metodo: lavorare e rimboccarsi le maniche anche quando le cose non vanno. Ringrazio i miei compagni, lo staff e tutti coloro che hanno creduto in me. Siamo sul tetto d’Europa: non potevo essere ripagato in maniera migliore. Paura di non farcela? Non l’abbiamo mai avuta. Ci abbiamo sempre creduto anche oggi. Anche dal secondo minuto. Il cuore viene sempre ripagato. Ci meritiamo tutto questo».

L’attaccante di Carrara ha successivamente postato una foto con la Coppa sul suo profilo ufficiale Instagram (da cui le foto) scrivendo: “La portiamo a Roma!