Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Al via il centro estivo del Comune di Montignoso foto

Più informazioni su

MONTIGNOSO – Al via il centro estivo del Comune di Montignoso. Attività all’aperto, giochi e laboratori educativi, l’assessore Giorgia Podestà: «La socializzazione è fondamentale per la crescita. Spazio per 150 bambini e bambine, ragazzi e ragazze dai 3 ai 14 anni». Crescere insieme con divertimento: sarà questo il percorso del Centro
Estivo del Comune di Montignoso che dal 1 di luglio ha aperto le porte a 150 bambini e bambine, ragazzi e ragazze dai 3 ai 14 anni fino al prossimo 31 agosto.

Un centro che, dai plessi scolastici, si sposterà direttamente sul mare, alla spiaggia Green Beach di Cinquale, dove tutti i giovani frequentatori potranno recarsi tre volte alla settimana. Ma non è tutto. Tra le attività previste: educazione alimentare e ambientale, lettura, body painting covid, riciclo, scoprire la natura con i sensi, educazione
alla pace e alla convivenza e molto, molto altro. Un esempio? I momenti trascorsi al mare saranno incentrati su attività laboratoriali come “La spiaggia degli artisti” e “La bacheca della sicurezza”, «attività ricreative e creative che permetteranno ai ragazzi e ai bambini di creare una mostra all’interno del Punto Info della Green Beach aperta a
tutti i curiosi e i bagnanti» spiega l’Assessore Giorgia Podestà.

«La socializzazione, ovvero lo stare insieme, il giocare, il confronto – continua Podestà – sono momenti fondamentali per la crescita. È assolutamente necessario riprenderci tutti questi elementi della nostra vita, così limitati per troppo tempo dalla pandemia e farli rientrare nella nostra quotidianità. Tutte le attività del centro si svolgeranno nella massima sicurezza, nonostante il Ministero abbia dato delle indicazioni non restrittive sull’organizzazione di questi servizi abbiamo voluto mantenere un alto livello di prudenza senza limitare o diminuire i posti disponibili».

«Nel gioco il bambino sviluppa le proprie potenzialità intellettive, affettive e relazionali – spiega la Responsabile di Area Nadia Bellè – diventa strumento per il bambino poiché lo aiuta a sviluppare la creatività, lo aiuta a sperimentare le capacità cognitive, ha modo di poter entrare in relazione con i suoi pari, dà vita allo sviluppo della sua personalità. Per tutti questo motivi tutte le attività dei centri estivi sono base sul gioco socializzato, di regole, di costruzione e simbolico».

I bambini e i ragazzi verranno seguiti da circa venti operatori, tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore 13.00 all’interno dei centri attivati: Primaria di Cinquale con due gruppi da 3-5 anni e quattro gruppi 6-11 anni, Primaria di Piazza con 2 gruppi da 6-11 anni e un gruppo misto 7-14 anni, Materna di Capanne con due gruppi da 3-5 anni, Cervaiolo con due gruppi 3-5-anni e due gruppi 6-11 anni, riattivato anche il Nido estivo.

«L’obiettivo è che i ragazzi e le ragazze non rinuncino a stare insieme e fare attività sportiva, giocare con gli altri, muoversi – spiega Enrico Maestrelli Presidente dell’Associazione di promozione sociale “Sportpertutti e solidarietà” – così come è fondamentale far convivere gli aspetti pedagogici e quelli sanitari, cercando di non dimenticare i
bisogni educativi dei bambini e delle bambine e senza mai dimenticare la nostra filosofia “Nessuno Escluso”. Saranno prevalenti gioco ed attività sportive mantenendo le regole del distanziamento sociale e la massima sicurezza attraverso l’aiuto di pratiche consolidate come l’outdoor education. L’elemento “acqua” riveste un ruolo importante in questa estate, infatti il mare diventa ambiente di sviluppo di tutta una serie di attività non legate solo alla balneazione ma soprattutto per vivere esperienze».

Più informazioni su