Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Porto in forte ripresa e dalle grandi potenzialità. Ora la Regione acceleri sul Prp»

La presidente della commissione Trasporti alla Camera Raffaella Paita (Iv) di nuovo in visita all'Autorità Portuale in occasione del webinar organizzato dall'associazione Wista Italy. Domani a La Spezia un incontro sulla Pontremolese: «Ci sono segnali di accelerazione»

MARINA DI CARRARA – Waterfront, prolungamento della banchina Taliercio e miglioramento viabilistico e di accesso al porto. Un set di interventi previsto dal fondo complementare del Pnrr, che darà il via alle opere riguardanti lo scalo di Marina di Carrara. Ne ha parlato la deputata di Italia Viva e presidente della Commissione Trasporti alla Camera Raffaella Paita in occasione della sua seconda visita in poco più di un mese alla sede dell’Autorità Portuale. Lo scorso maggio Paita aveva accompagnato la vice-ministra Teresa Bellanova; questa volta, invece, l’occasione è stata la partecipazione al webinar organizzato dall’associazione Wista Italy per discutere sulle opportunità offerte dal Pnrr nell’ambito della portualità. Come ribadito più volte anche dal presidente dell’Autorità Portuale Mario Sommariva, la priorità in questo momento è giungere all’approvazione del nuovo piano regolatore portuale. Solo una volta completato questo step, infatti, potranno partire gli investimenti. “L’approvazione – ha ricordato Paita – è nelle mani della Regione, è lì che si deve velocizzare il processo”.

Il porto di Marina di Carrara è un porto in salute e in forte ripresa. “E’ uno scalo dalle grandi potenzialità nei confronti del quale in commissione Trasporti stiamo dimostrando grande attenzione. Tant’è che è la seconda che veniamo qui a Marina di Carrara nel giro di pochissimo”.

Domani, invece, la deputata di Italia Viva farà tappa a La Spezia, dove è prevista una riunione importante sulla Pontremolese. “Anche qui registriamo dei segnali di ripresa e accelerazione – ha spiegato Paita -: il primo è il lavoro sulle stazioni che porterà all’utilizzo della doppia trazione, e quindi a un incremento della capacità delle merci sull’attuale linea. Dentro il fondo di investimenti delle ferrovie, invece, c’è il finanziamento del progetto della galleria di valico”.