Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Si balla ovunque tranne che in discoteca. Qualcuno ci dica il perché»

Lo sfogo di Emiliano Cerri, presidente di Silb-Fipe province di Lucca e Massa-Carrara: «Balli di gruppo praticamente dappertutto: nei pubblici esercizi, in spiaggia, in piazza, il tutto senza il benché minimo controllo»

MASSA-CARRARA – «Oltre il danno la beffa, è proprio il caso di dirlo. Già, perché le immagini che continuano a girare in rete hanno proprio il sapore della beffa per tutti i nostri imprenditori costretti a non lavorare da ormai 17 mesi». Commenta così la situazione delle discoteche Emiliano Cerri, presidente di Silb-Fipe province di Lucca e Massa-Carrara, il sindacato italiano dei locali da ballo aderente a Confcommercio, la più importante associazione italiana di categoria che raduna il 90% delle imprese del comparto.

«Balli di gruppo praticamente dappertutto: nei pubblici esercizi, in spiaggia, in piazza, il tutto senza il benché minimo controllo. Quei controlli che, invece, – prosegue Cerri – potremmo garantire noi grazie a un protocollo di sicurezza già condiviso con le autorità competenti e su cui aspettiamo ancora un riscontro. Eppure di riaprire non se ne parla e, intanto, si balla ovunque meno che in discoteca. Qualcuno, prima o poi, dovrà spiegarci che criteri ci sono dietro certe scelte che, oltre a condannare un settore intero a morte certa, favoriscono un pericoloso e dilagante abusivismo».

«Come già detto in più di un’occasione- conclude Cerri- è necessario programmare una ripartenza a strettissimo giro, già dai primissimi giorni di luglio. Bisogna individuare una data precisa e dare la possibilità alle imprese di organizzare attività che hanno bisogno di programmazione. Le discoteche non si accendono e spengono con un interruttore. Speriamo che qualcuno prima o poi lo capisca, e speriamo che non sia troppo tardi».