Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Alla Rsa Pelù sparisce l’infermiere in turno di notte. A rischio operatori e ospiti»

Il segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori: «Una decisione presa ancora una volta in maniera unilaterale senza ascoltare i sindacati»

Più informazioni su

MASSA – “Alla Rsa Pelù di Massa sparisce l’infermiere in turno di notte: una scelta che mette in pericolo la salute degli ospiti, una decisione presa ancora una volta in maniera unilaterale senza ascoltare i sindacati. Non è sulla pelle delle persone che si rimettono a posto i conti”. E’ duro l’attacco del segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori, al commissario di Casa Ascoli, Alessandro Pezzoli, nominato dal Comune di Massa nelle scorse settimane in quanto la società interamente partecipata da palazzo civico naviga in cattive acque ed ha bisogno di risanare i bilanci. Casa Ascoli ha in gestione anche la Rsa Pelù, che anche a causa dell’emergenza Covid-19 ha fatto segnare una perdita rilevante che ha gravato ulteriormente sui conti di Casa Ascoli.

Ora l’ordine di servizio del commissario Pezzoli cambia le carte in tavola sui turni del personale infermieristico: “Si va sulle 21 ore giornaliere a Casa Ascoli, coperta dalle 8 alle 13, dalle 15 alle 20 e dalle 22 alle 8 – prosegue Salvadori – mentre per la Rsa Pelù il servizio infermieristico ci sarà solo per 16 ore al giorno, dalle 7 alle 23. Significa tagliare l’infermiere nel turno di notte. Negli orari in cui non è presente il personale infermieristico in casi di emergenza e urgenza per problemi sanitari relativi agli ospiti il personale di turno dovrà chiamare il numero unico per l’emergenza 112, passando in busta chiusa tutti i dettagli sanitari degli ospiti al medico che arriva sul posto. E’ evidente come la procedura diventi farraginosa e rischiosa. Peraltro l’ordine di servizio, firmato dal sub commissario Massimo Tognocchi, è stato indirizzato non solo agli operatori ma pure ai familiari e ai visitatori degli ospiti di Casa Ascoli ed Rsa Pelù senza che sia stata fatta nessun tipo di comunicazione alla nostra organizzazione sindacale”.

E’ questo l’altro aspetto che segnala il segretario Uil Fpl: “Non abbiamo mai ricevuto una convocazione dal commissario. Pertanto si richiede l’immediata comunicazione per concordare un incontro che, oltre ad attivare le relazioni sindacali del caso, metta all’ordine del giorno i turni del personale infermieristico. Siamo convinti – conclude – che ci siano gravi rischi per gli operatori e di conseguenza per gli utenti e diffidiamo sin da ora la messa in atto di qualsiasi iniziativa prima dell’incontro sindacale richiesto”.

Più informazioni su