Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Massa, una targa in memoria di Giulio Guidoni. La cerimonia domenica 6 giugno

Più informazioni su

MASSA – Domenica 6 giugno alle ore 11, il sindaco di Massa Francesco Persiani inaugurerà una targa marmorea a ricordo dell’ex sindaco e avvocato Giulio Guidoni. La targa, su iniziativa di Franco Frediani, verrà apposta sulla facciata della casa di via Cavour, ove l’illustre personaggio nacque e dove si spense.

Nato a Massa il 5 luglio 1894 da Luigi e Ida Zonder, Giulio Guidoni diverrà una delle maggiori personalità della nostra città. Pochi, come lui, hanno infatti impersonato la nobiltà della politica. Un politico cristiano che ha fatto del disinteresse e della generosità, uno stile di vita e uno stimolo incalzante e creativo per il bene della propria città e del proprio paese. Ha partecipato alla campagna 1915-1918 ed è decorato di Croce di guerra. Formatosi nelle file della gioventù cattolica, nel 1919 si iscrisse al P.P.I. dove svolse una intensa attività, prima come segretario di sezione, poi come segretario provinciale, fino al 3 gennaio 1925 quando tutti i partiti vennero sciolti e fu costretto a consegnare le chiavi della sede del partito.

La morte prematura del padre l’aveva messo a capo di una famiglia allargata, con fratelli più piccoli, che si trovò a dover sostenere. Il nuovo e inatteso peso non lo distolse tuttavia dal proseguire la sua militanza politica. Durante la resistenza prese parte attiva al movimento dei Patrioti Apuani ed ebbe dal Comitato provinciale di Liberazione di Massa-Carrara l’incarico di presiedere la delegazione comunale di Massa durante il periodo dello sfollamento della città. In tale veste ripristinò i più essenziali servizi igienici ed organizzò l’assistenza ai cittadini, che vissero per sette mesi nella terra di nessuno, affrontando rischi non lievi. Pur tuttavia seppe interporsi, con tatto ed abilità, fra i comandi dei partigiani e dei tedeschi, trattando accordi che risparmiarono ai cittadini rappresaglie e lutti. Iscrittosi alla D.C., nel ’45 fu nominato Segretario provinciale, carica che conservò fino al congresso del 1954 quando fu eletto a presidente del Comitato provinciale del partito. Primo sindaco della città dal 1946 al ’48. Eletto consigliere provinciale nel 1951, venne chiamato alla presidenza che mantenne sino alla scadenza del 1956. Rieletto, conservò la carica sino al 1958 quando fu eletto Senatore. Guidoni muore a Massa il 6 giugno del 1992

Più informazioni su