Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Il gruppo Germinal Fai di Carrara depone fiori in memoria di due martiri antifascisti

CARRARA – Domani, 2 giugno, il gruppo Germinal FAI di Carrara ha deciso di onorare la memoria di due martiri della libertà, i primi a cadere sotto il piombo dei fascisti il 2 giugno del 1921 a Carrara. Madre e figlio, Gisella e Renato Lazzeri. Il gruppo Germinal Fai deporrà dei fiori nel luogo dove si erge una scultura e due targhe a ricordo di quei fatti. Fatti che, dichiarano dal gruppo, “le autorità governative di allora scelsero di lasciare correre, una prassi ben rodata ed ancora in voga ai giorni nostri”. “A Carrara – proseguono – non si festeggia, ma si commemora coloro che hanno dato la vita per un mondo migliore libero dalle catene delle dittature siano essere assolute o “democratiche”. I fascisti, capitanati da Amerigo Dumini (futuro assassino di Giacomo Matteotti), uccidono in via Carriona l’antifascista Renato Lazzeri, accorso in aiuto alla sorella Clara, maltrattata perché portava in petto un fiore rosso.  Prima di cadere, il Lazzeri spara nel gruppo dei fascisti e ferisce lo squadrista fiorentino Gastone Miniati.  Nel frattempo accorre la madre del Lazzeri, Gisella. Accolta dai fascisti a colpi di pistola, la donna cade morta sul corpo del figlio”.

“Gli anarchici non vogliono dimenticare – chiudono – e continuano a far conoscere ai posteri esempi di vera lotta contro le oppressioni che affliggono le genti”.