Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Ieri la zona industriale, oggi il Lavello. Altro disastro ambientale del Comune di Carrara»

Il duro attacco del presidente dell'associazione "L'assiolo", Gianluca Giannelli: «Cosa è mancato in questi anni? La volontà e l’intelligenza per risolvere il problema»

MASSA-CARRARA – “E finalmente si è scoperto chi scaricava rifiuti nel fosso Lavello a livelli industriali. Da circa 20 anni le guardie ecologiche del WWF hanno segnalato e depositato denunce presso la Procura della Repubblica di Massa-Carrara ed esortato il Comune di Carrara a risolvere il problema, ma un muro di gomma ci ha sempre “rimbalzato” la problematica”. Ad intervenire sui recenti sviluppi riguardo al fosso del Lavello (ne abbiamo parlato qui) è il presidente dell’associazione “L’Assiolo”, Gianluca Giannelli. “Cosa è mancato in questi anni? La volontà e l’intelligenza per risolvere il problema, come ha fatto invece il Sindaco di Massa, Francesco Persiani, che con un lavoro puntiglioso e professionale ha accertato le responsabilità, cosa che prima non è avvenuto, sia per leggerezza, sia per inefficienza, sia per arroganza, sia per ignoranza, sia per poca passione per il proprio lavoro, sia per molte altre cause. Una cosa è certa, in questi decenni, il Comune di Carrara ha creato un danno ambientale che, dopo quello della chimica della zona industriale, è il secondo come situazione negativa. Un vero e proprio disastro ambientale: tonnellate di rifiuti tossico nocivi, urbani e ingombranti sono stati scaricati in mare con un danno inimmaginabile per il nostro pianeta, e a danno della salute pubblica”.

“Il primo sbarramento nei pressi del ponte della Via delle Pinete – ricorda Giannelli – fu fatto mettere dalle guardie ecologiche del WWF dal Consorzio di Bonifica, spostato poi più a monte per non far vedere quella vergogna alla vista di tutti. Sbarramento che molte volte si staccava da riva e impressionanti isole di rifiuti si riversavano in mare, spostandosi verso la costa della partaccia o in mare aperto. Tutto questo avvenuto negli ultimi 20 anni, ma sicuramente da sempre, da quando si è avuto la brillante idea di collocare il campo nomadi a fianco del Fosso Lavello. Che sia colpa di chi ha amministrato il territorio, in primis il Comune di Carrara, ma anche il Comune di Massa, che non se ne è mai interessato. Per non parlare degli operatori economici della località Partaccia e di Marina di Massa, che hanno fatto fare i bagni in un mare di rifiuti ai propri clienti. Per non parlare di coloro che hanno svolto indagini in merito con leggerezza e superficialità, visto che la verità dei fatti, era lì ad aspettare lo Stato Italiano, che per anni ha fatto come le tre scimmie: non vedo, non sento, non parlo”.