Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Misure anti-covid, verso uno spostamento orario del coprifuoco alle 22

Da una parte le cautele del Pd, dall'altra le proposte del centrodestra con Lega e Fi in pressing: «A casa a mezzanotte». Centri commerciali nei weekend e matrimoni, ormai ci siamo

MASSA-CARRARA – Se ne parlerà a Roma nel contesto della settimanale cabina di regia, chiamata a discutere ed eventualmente deciderà a proposito della modificazione del coprifuoco alle 22 in vigore ormai da molti mesi in tutta Italia. A chiedere che il coprifuoco sia spostato almeno fino a mezzanotte, al di là della politica, sono le attività commerciali che stentano a ripartire. Ristoranti, bar ma anche cinema e teatri. E come sempre la politica si spacca fra “aperturisti” e rigoristi ma l’impressione è che per la prima volta l’Escutivo nazionale contempli davvero questa possibilità visti i dati sui contagi, le ospedalizzazioni attuali e i decessi a livello nazionale, senza dimenticare l’avanzamento della campagna di vaccinazione.

Adesso da capire quelle che saranno le modalità: l’obiettivo finale è quello di cancellare il coprifuoco a partire dal 14 giugno per garantire vacanze senza eccessive restrizioni a turisti italiani e stranieri. Il centrodestra chiede di eliminarlo o spostarlo fino alle 24, il centrosinistra pensa sia meglio muoversi per fasi passando inizialmente dalle 22 alle 23. Nei giorni scorsi si era parlato del 24 maggio come data per l’ampliamento della fascia ma quella data potrebbe essere anticipata proprio in base all’esito della cabina di regia di oggi. Oggi conosceremo anche la data per la riapertura dei centri commerciali nei fine settimana (probabilmente già dal 22 maggio) e quella per la ripartenza del settore dei matrimoni e delle cerimonie (si è ipotizzato attorno al 15 giugno).

Gli italiani, dove il meteo è stato clemente (non certo qui) sono tornati in spiaggia nel giorno della riapertura degli stabilimenti e delle piscine all’aperto. Nel frattempo si comincia a pensare anche ai viaggi estivi e alle regole da osservare per spostarsi in Italia e all’estero. In vigore ci sono le indicazioni dai singoli stati, riscontrabili sul sito “Viaggiare sicuri” dell’unità di crisi della Farnesina. Dopo un anno passato tra mille limitazioni ora si può organizzare un viaggio in sicurezza conoscendo le condizioni: ad oggi, per fare un esempio, dove c’è ancora la quarantena e per il Regno Unito occorre anche prenotare il doppio tampone (210 sterline).