LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Sconti sulle bollette dell’energia per artigiani e piccole imprese

MASSA CARRARA – Sconti sulle bollette dell’energia per artigiani e piccole imprese. A darne notizia ai propri associati è Confartigianato Imprese Massa Carrara, che spiega com’è possibile avere una bolletta meno cara grazie ad un provvedimento adottato da Arera (l’autorità di regolazione dell’energia, reti e ambiente) legato all’emergenza covid-19.

«La delibera di Arera, che attua una previsione del decreto legge “Sostegni” (D.L.22 marzo 2021, n.41) – spiega Stefano Giannoni, rappresentante di Confartigianato imprese Massa Carrara nel Consiglio di Amministrazione di Multinergia  – è stata adottata al fine di venire incontro alle imprese alimentate in bassa tensione (BT), al pari di
quanto già fatto lo scorso anno con il “decreto Rilancio” con la riduzione di componenti fisse della bolletta, relative alle tariffe di trasporto, distribuzione e misura e degli oneri generali».

Una riduzione importante, perché queste voci, che sono fisse, rappresentano una parte cospicua della bolletta, soprattutto in un momento nel quale i consumi energetici, a causa del covid, sono per molte imprese, costrette alla chiusura o alla riduzione di attività, molto limitati se non azzerati. «In particolare per le utenze business BT aventi potenza superiore a 3 kW – conferma Giannoni- il taglio di queste componenti può portare ad un risparmio anche del 70% della bolletta».

Quando e come si può avere lo sconto in bolletta? «Il provvedimento – continua il delegato – riguarda la fatturazione dei consumi del trimestre aprile-maggio-giugno e prevede l’azzeramento della quota relativa alla potenza, nonché l’applicazione di una quota fissa convenzionalmente fissata a quella corrispondente alla potenza impegnata di 3 kW. E la modifica tariffaria, almeno per quanto riguarda le imprese che hanno attivato contratti con il consorzio multienergia non dovrà essere richiesta, ma è stata già applicata automaticamente fin dalla fatturazione di aprile, perché Dolomiti Energia, che è il gestore al quale il Consorzio fa riferimento, ha già provveduto a recepire e aggiornare le tariffe per la corretta fatturazione dei consumi».

Infine, per completezza di informazione, Confartigianato fa sapere che Arera ha altresì previsto che da questo meccanismo non possano derivare oneri maggiori rispetto a quelli che sarebbero derivati dall’applicazione, alla medesima fornitura e ai medesimi prelievi, dei valori delle tariffe e degli oneri generali vigenti. Pertanto è stato
previsto il rimborso degli eventuali maggiori costi derivati in fattura per le forniture non limitate con potenza disponibile maggiore a 16,5 kW e che nel trimestre maggio-giugno-luglio prelevino nel periodo fino a 2 kW.

«Anche in questo caso – conclude Stefano Giannoni – le imprese non dovranno richiedere nulla e, se rientrano in questa casistica, riceveranno il conguaglio entro il 30 novembre 2021».