Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Il ponte rinascerà presto». Giani e Toti al cantiere di Albiano. E le rampe saranno pronte a fine giugno foto

I governatori di Toscana e Liguria hanno visitato i lavori in corso insieme al viceministro delle infrastrutture Morelli. «Ricostruzione grazie a straordinario lavoro di squadra»

ALBIANO MAGRA – “Un grande lavoro di squadra e, con le fondamenta del primo dei tre piloni che caratterizzeranno la costruzione del nuovo ponte, arriva un segnale importante di incoraggiamento per questo territorio, per la Toscana e per tutta l’Italia. Il ponte rinascerà ed oggi è un’evidente certezza”. Così il presidente della Regione Eugenio Giani che questo pomeriggio, lunedì, ha partecipato al sopralluogo tecnico nei cantieri per la ricostruzione del ponte di Albiano Magra (Aulla, Massa-Carrara) e per la realizzazione delle rampe di accesso alla A12, nell’ambito del tavolo permanente per il monitoraggio del programma del commissario straordinario. Oltre a Giani sono intervenuti il viceministro alle infrastrutture e mobilità sostenibile Alessandro Morelli, il commissario straordinario Fulvio Maria Soccodato, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, la presidente della IX Commissione Trasporti della Camera dei Deputati Raffaella Paita, il presidente di Anas Claudio Andrea Gemme e il sindaco di Aulla Roberto Valettini.

“Questo territorio non poteva essere lasciato a lungo senza ponte dopo il collasso”, ha proseguito il presidente Giani, sottolineando il significato che il ponte ha sempre rappresentato fin dalla sua costruzione il 25 ottobre del 1908. “La buona sinergia che si è creata fra Toscana, Liguria e Anas ha dato i risultati che vediamo oggi, risultati generati anche dallo sforzo collettivo che il crollo del ponte ha generato. È un incoraggiamento nell’Italia che vuole funzionare. La comunità può finalmente ritrovare il senso della sua storia e al tempo stesso cominciare a guardare al futuro grazie alla ricostruzione delle rampe prima e del ponte poi”.

Durante la visita il commissario Soccodato ha illustrato l’andamento delle attività di cantiere, confermando infatti il cronoprogramma che prevede il completamento delle rampe alla A12 alla fine del mese di giugno e l’apertura del nuovo ponte di Albiano Magra a marzo 2022. Il presidente Giani ha poi sottolineato l’importanza della manutenzione e della prevenzione: “Dobbiamo essere attenti e vigili – ha detto – fare screening e intervenire con una manutenzione efficace laddove è necessario”.

Nel dettaglio, nel cantiere del nuovo ponte sono in corso le attività in alveo per la realizzazione delle fondazioni delle pile. Ognuna delle tre pile poggerà infatti su fondazioni sostenute da 29 pali interrati in calcestruzzo armato, per un totale di 87 pali da 1 metro di diametro per oltre 30 metri di profondità. Proseguono anche gli interventi per la realizzazione delle rampe all’Autostrada A12 in collegamento diretto con la SS330 in località Ceparana.

In particolare, è in fase di realizzazione il rilevato della rampa di uscita, l’adeguamento della strada d’argine e gli interventi per la connessione alla viabilità locale. Le rampe, i cui lavori sono stati iniziati a marzo, saranno aperte al traffico entro la fine di giugno; come più volte ribadito, il nuovo piano commissariale ha previsto la realizzazione di rampe provvisorie di accesso diretto all’Autostrada A12, che consentono un miglioramento rilevante della riconnessone territoriale con un percorso alternativo nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e con un iter autorizzativo semplificato.

Per riepilogare, dopo che l’11 novembre 2021 il Mit ha nominato Fulvio Maria Soccodato di Anas nuovo commissario straordinario per il ripristino della viabilità, è stato definito il nuovo Piano commissariale focalizzato sulla forte riduzione dei tempi di attuazione degli interventi. Il Piano è stato adottato il 18 dicembre 2020 e prevede la realizzazione del ponte in un solo anno, con una riduzione del cronoprogramma originario di oltre nove mesi. In questo tempo Anas ha ultimato la progettazione definitiva del nuovo ponte e ha inviato il progetto a tutti gli enti il 29 ottobre. Il 13 novembre è stata aperta la conferenza dei servizi che si è conclusa il 29 gennaio 2021 dopo la Via. A marzo 2021 sono iniziate le attività di cantiere che procedono come da programma. L’apertura al traffico è prevista a marzo 2022.

«Ad Albiano Magra – ha detto Toti – si lavora finalmente per restituire entro la primavera 2022 un nuovo ponte ai cittadini. Vedere questo cantiere che riparte, insieme a quello a Ceparana delle rampe di collegamento con l’autostrada A12, rappresenta un orizzonte di futuro per tante persone che lo hanno chiesto e aspettato anche più a lungo di quanto avrebbero dovuto. Quando le istituzioni dialogano e sanno collaborare le opere si fanno e anche in fretta. Lo abbiamo dimostrato a Genova con il ponte San Giorgio, facciamolo anche qui, recuperando i ritardi, e in tutto il Paese realizzando quelle opere che da troppo tempo stiamo attendendo».