Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

«Ristorazione vittima di accanimento senza senso: non è qui che ci si contagia»

I sindacati dei pubblici esercizi Fipe di Confcommercio e Fiepet di Confesercenti lanciano la campagna "Aperti per non chiudere più"

MASSA-CARRARA – “Dentro ai locali, rispetto di ogni regola sul distanziamento sociale e delle prescrizioni anti covid. Fuori, assembramenti incontrollati lungo le vie e le piazze delle nostre città, senza il minimo rispetto di ogni regola sanitaria. Sotto alle due immagini, una scritta e una domanda: “Dove ti senti più sicuro?””. Se lo chiedono i sindacati dei pubblici esercizi Fipe di Confcommercio e Fiepet di Confesercenti. Questa l’essenza della loro campagna mediatica, all’insegna del motto “Aperti per non chiudere più”, in concomitanza con il primo maggio, festa internazionale del lavoro.

Le due associazioni di categoria intendono così mobilitare anche l’opinione pubblica sulla necessità di una ripartenza totale e definitiva dell’attività del settore e, più in generale, sulla necessità di una diversa gestione della pandemia, che non passi più dalle chiusure dei locali. Una campagna basata su locandine, affisse nelle vetrine di bar e ristoranti di tutta la provincia, con immagini provocatorie, ma al tempo stesso reali. Che mettono in contrapposizione e a confronto fra loro l’interno di un locale con il servizio al tavolo e gente che bivacca sui marciapiedi mangiando e bevendo.

“Basta coi distinguo tra fasce di colore o tra servizio all’esterno o all’interno dei locali – affermano Rodolfo Pasquini, presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia – Province di Lucca e Massa-Carrara, e Alessio Lucarotti, presidente di Confesercenti Toscana Nord: ormai queste regole nella lotta al covid stanno sfiorando il ridicolo. Lo dimostra il fatto che nei mesi in cui i locali sono rimasti chiusi, il numero dei contagi è addirittura aumentato. È evidente ormai a tutti, tranne che al Governo a quanto pare, che non è attraverso i locali che circoli il virus. Lo abbiamo sempre detto: i nostri imprenditori sono prima di tutto persone coscienziose e con valori umani importanti, che li portano a pensare in primo luogo alla loro salute, a quella dei clienti e a quella dei loro dipendenti”.

“Si vada piuttosto a vedere – proseguono i due presidenti – cosa accade negli assembramenti spontanei delle piazze o in altri luoghi dai quali ogni giorno arrivano immagini di assembramenti indiscriminati e incontrollati, al di fuori di ogni più elementare regola sanitaria. Eppure, con le sue disposizioni, da oltre un anno lo Stato italiano ha messo di fatto fuori legge i pubblici esercizi, che pure sono gli unici a poter garantire la somministrazione in piena sicurezza, con clienti controllati e controllabili e nel pieno rispetto dei protocolli vigenti”.

“La categoria – insistono Pasquini e Lucarotti – è vittima di un accanimento senza senso, che sta esasperando gli operatori. Prendiamo distanza dalle azioni di protesta violente e contro la legge che si sono succedute in queste settimane, ma non dalle ragioni che le hanno ispirate. Per questo motivo, tenendo fede al senso di responsabilità e al principio di muoverci sempre dentro la legalità, continuano ad aumentare la nostra attività sindacale nei confronti di tutti i decisori istituzionali, a livello territoriale come nazionale, affinché si facciano carico delle nostre richieste per una riapertura totale e definitiva dei pubblici esercizi, indipendentemente dalle fasce di colore”.
“Puntando – chiudono – anche al superamento del concetto di “coprifuoco” o, in stretto subordine, almeno al suo prolungamento alla mezzanotte. Siamo in buona compagnia nel chiederlo, visto che sia Anci che la Conferenza delle Regioni e Province autonome si sono espresse favorevolmente in questa direzione”.

Secondo Confartigianato Massa-Carrara le riaperture disposte dal governo sono un “provvedimento lasciato a metà: né carne né pesce”. “Possono aprire i locali che hanno la fortuna di poter usufruire di spazi all’esterno e gli altri restano chiusi? – chiede l’associazione -. Una discriminazione che mette in freezer un’attività su due. Bisognava investire su strumenti tecnologici e consentire almeno di aprire i locali al chiuso per vaccinati e immuni. Come sta pensando di fare la provincia autonoma di Bolzano con un green pass da introdurre nei prossimi giorni. Una sfida che oggi rilanciamo al Governo e alla Regione”.

La dirigenza di Confartigianato propone di “limitare la misura attuale a una fase transitoria brevissima” e lancia la sfida ai Comuni: “Bisogna mettere a disposizione dei ristoratori più spazi esterni possibili. L’anno scorso, la categoria ha perso circa il 40% del fatturato, i primi mesi del 2021 hanno confermato il dato negativo. Calo del turismo e crisi economica generalizzata sembrano non far intravedere nel breve periodo una ripresa del settore. Pertanto se non interverranno modifiche a quanto disposto dal decreto 21 aprile auspichiamo un ulteriore intervento economico del governo per il sostegno di chi, ulteriormente, è rimasto indietro. Soprattutto, però, crediamo che il Paese dovrebbe investire in tecnologia come strumento di rilancio e contrasto alla pandemia, dopo la pessima figura della app Immuni”.