Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Una targa in memoria dell’ex sindaco Gino Cecchieri: fece risorgere Massa dalle macerie foto

La inaugurerà questo sabato il sindaco Francesco Persiani, su iniziativa di Franco Frediani e sarà apposta sulla facciata della casa di via Alberica, dove il personaggio abitò e si spense

Più informazioni su

MASSA – Una targa marmorea in ricordo dell’avvocato Gino Cecchieri. La inaugurerà questo sabato, 24 aprile, alle 11,30 il sindaco di Massa Francesco Persiani. La targa, apposta su iniziativa di Franco Frediani sulla facciata della casa di via Alberica, dove l’illustre personaggio a lungo abitò e dove si spense, vuol rendere omaggio ad una figura che nelle vesti di primo cittadino spese tutta la vita e le energie per il bene della comunità.

Nato il 27 giugno del 1889, fu tra i protagonisti della ricostruzione e si trovò ad amministrare una città reduce da un conflitto che ne aveva segnato gli uomini e devastato il tessuto urbano. Con l’impegno suo e di altri illustri cittadini, tra cui Guidoni, Del Nero, Del Giudice, Bondielli, la città seppe risorgere dalle macerie e tra mille sacrifici avviarsi verso anni di un certo benessere.
Personaggio di altri tempi, Cecchieri intese il suo mandato politico come una missione arrivando a trascurare la sua stessa professione. Dirittura morale, assoluto disdegno da ogni facile guadagno, generosità le  sue qualità indiscusse. integerrimo con gli altri ma anche con se stesso si pose al completo servizio della città. La sorte gli fu avara e non raccolse quanto aveva seminato. Da sempre estremamente religioso, non mancava il rito giornaliero della Santa Comunione, gli ultimi anni della sua vita lo avvicinarono al Terzo Ordine Francescano ove trovò quell’oasi di pace e di fraternità  a lungo cercata. Si spense in solitudine il 14 marzo del 1968 all’età di 79 anni.

Adesso l’augurio di Frediani è che al personaggio venga dedicato anche un qualche angolo della città, che abbia la precedenza su “titolazioni a personaggi che, seppur di tutto rispetto, alla città nulla hanno dato”.

Più informazioni su