Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Legge Zan, approvata all’unanimità la mozione del M5s Carrara: «Passaggio di civiltà fondamentale»

Passo importante nell'ottica del contrasto alla violenza per motivi di genere, sesso, identità e disabilità. Crudeli (Pd): «Tema la cui importanza è ancora ignorata da alcuni partiti»

Più informazioni su

CARRARA – Approvata all’unanimità dal consiglio comunale di Carrara la mozione del Movimento 5 Stelle di Carrara presentata dalla consigliera Daria Raffo a sostegno della legge Zan. “Il disegno di legge – aveva ricordato il gruppo consiliare nei giorni scorsi – è tornato al centro del dibattito pubblico grazie all’interessamento dell’opinione pubblica, dopo il blocco in Commissione Giustizia al Senato, presieduta dal senatore leghista Ostellari”.

Uno degli obiettivi del disegno di legge è la condanna penale delle aggressioni fatte per motivi di genere, sesso, identità e disabilità, equiparandole a quelle fatte per motivi razziali, etnici o religiosi. Previsto anche un finanziamento di 4 milioni per il fondo Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, destinato a politiche per la prevenzione e per il contrasto di questi tipi di violenza.

Prima della votazione, la consigliera del Pd Roberta Crudeli ha sottolineato il lavoro svolto dal suo partito nella promozione della legge, evidenziando al tempo stesso come la proposta, dopo il via libera della Camera a novembre, sia stata bloccata in Senato dai partiti di destra, in particolar modo dalla Lega: “Stiamo parlando di una questione di diritti civili che non può essere secondaria a nessun Governo né soprattutto al Parlamento. Alcuni partiti danno scarsa importanza a un tema che è presente e grave. I diritti umani e la dignità delle persone tutte vanno tutelati, ed i reati devono essere perseguiti e puniti. Non dobbiamo permettere che questo traguardo di civiltà venga ostacolato ancora una volta. Questa è una battaglia contro odio e violenza che non dovrebbe avere colore politico”.

Nessun dubbio anche per Giuseppina Andreazzoli (Psi): “E’ il momento che questa legge vada avanti – ha detto la consigliera – anche perché le cose stanno cambiando, ed è giusto che così come è stata data la possibilità di avere diversi diritti civili che prima erano più ostacolati, ritengo che questo aspetto debba essere rafforzato, perché purtroppo quello che rileviamo ogni giorno ci dà dei segnali non positivi. E’ una lotta che dobbiamo portare avanti affinché non si perda di vista nulla di tutto quello che è stato conquistato finora”.

Soddisfatto anche il vice sindaco Matteo Martinelli dopo l’approvazione dell’unanimità della mozione del gruppo M5s: “Sono contento che il consiglio comunale abbia approvato questa mozione. E’ auspicabile che il disegno di legge venga approvato quanto prima, perché si tratta di un passaggio di civiltà fondamentale”.

 

Più informazioni su