Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Cava Fornace, il cda: «Ci sono i fatti e le opinioni, la politica venga a visitare la discarica» foto

Il consiglio di amministrazione di Programma Ambiente Apuane: «Siamo a disposizione di tutti per far controllare la gestione dell'impianto e leggere le analisi periodiche: le porte sono aperte»

MONTIGNOSO – “Ci sono fatti e opinioni e dispiace vedere che tutto venga messo sullo stesso piano confondendo le cose. Soprattutto riteniamo che sia una speculazione di basso livello associare le vicende giudiziarie legate all’inchiesta sulle concerie con l’impianto ex Cava Fornace: le verifiche effettuate dagli organi di controllo e pure l’incidente probatorio del tribunale di Massa, recentemente archiviato, dimostrano infatti la bontà della gestione da parte di Programma Ambiente Apuane”. Il consiglio di amministrazione di Programma Ambiente prova ancora una volta a fare chiarezza sulla gestione degli impianti, anche alla luce delle ultime inesattezze riportare da importanti esponenti politici, a livello locale, regionale e pure nazionale.

“Certe speculazioni ci lasciano esterrefatti perché crediamo che la politica dovrebbe prima di tutto attenersi ai dati concreti. Fatto: il giudice del tribunale di Massa ha archiviato il processo a carico dei rappresentanti di Programma Ambiente Apuane perché, come dimostrato dalle indagini effettuate da consulenti tecnici nominati d’ufficio, quindi soggetti terzi e indipendenti, la discarica non ha contaminato le matrici ambientali. Quindi la gestione dell’impianto di ex Cava Fornace non ha inquinato. Non lo dice l’attuale consiglio di amministrazione di Programma Ambiente Apuane. Lo dicono il tribunale e il Pubblico Ministero. Le altre sono opinioni e non possono essere messe sullo stesso piano: questa è una comunicazione erronea e fuorviante per i cittadini da parte di chi sostiene di rappresentare una intera comunità o ha addirittura incarichi politici”.

Il cda ribadisce inoltre che si “mettono in un unico calderone vicende che non hanno alcun legame fra loro tirando in ballo pure presunti rischi che nulla hanno a che fare con la gestione, come la tenuta della parete di roccia: vorremmo ricordare che è grazie all’opera di Programma Ambiente Apuane che è stato messo in sicurezza il massiccio roccioso denominato ‘Salto della Cervia’. Ancora provvediamo a garantirne tutela e sicurezza quando necessario con l’intervento di disgaggiatori professionisti”. Infine il Cda invita i rappresentanti dei cittadini, a ogni livello, a toccare con mano e vedere di persona quanto accade nell’impianto gestito dalla società: “Siamo sin da ora ben contenti di metterci a disposizione non solo degli organi di controllo ma di tutti i rappresentanti politici del territorio a ogni livello, dal locale fino alla Regione e a Roma. Siamo assolutamente certi della nostra gestione: lo dimostrano i fatti”.