Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Sculture coi tronchi dei pini tagliati, il Comune: «A Carrara l’arte è pubblica e “riciclata”»

L’assessore Forti: «Il concorso in vista del forum delle Città Creative Unesco. La creatività sarà il nostro motore di rigenerazione urbana». Raggi: «Le opere saranno collocate nella pineta adiacente»

CARRARA – Sull’iniziativa per realizzare sette sculture in legno, utilizzando i monconi dei pini tagliati in via Genova a Marina, interviene con una nota ufficiale Palazzo civico, nelle ultime ore contestato da più fronti (ne abbiamo parlato qui). «Sette sculture per sette artigiani. Il Comune di Carrara – è scritto – dal 2017 Città Creativa Unesco per l’Artigianato e le Arti Popolari, pubblicherà a breve un avviso per la selezione di sette artiste/i disposte/i a mettere in campo maestria e creatività nello scolpire i tronchi di pino di via Genova a Marina di Carrara per realizzare delle opere artistico/creative destinate ai più piccoli. Si tratta di una parte dei pini domestici di cui è in programma un intervento di rimozione, e conseguente sostituzione con dei lecci, dovuto all’eccesso di sporgenza dei loro apparati radicali sul manto stradale, al punto da costituire un rischio per la circolazione dei veicoli e in particolare per gli scooter, sui quali, come certificato da un’agronoma, “non risultano tecnicamente applicabili interventi razionali di stabilizzazione”».

«Duplice obiettivo del progetto lanciato dall’amministrazione – spiega il Comune – che verrà promosso attraverso la rete delle Città Creative Unesco, è quello di creare delle iniziative di natura pubblica orientate al riciclo di materiali altrimenti destinati allo scarto, e in seconda battuta quello di organizzare occasioni di incontro per la comunità di artisti e artigiani locali volte a stimolare e diffondere il loro “saper fare”, che ha caratterizzato la storia della città legata alla lavorazione delle pietre naturali».

«Il ruolo dell’artigiano, indipendentemente dal materiale con cui si rapporta – spiega l’assessore alla Cultura Federica Forti – sarà il tema centrale del forum che stiamo organizzando per il coordinamento Unesco che si svolgerà in città il prossimo settembre e che vedrà la partecipazione di tutte le città creative Unesco d’Italia, unite, letteralmente, per “contaminarsi” e per individuare modelli orientati alla rigenerazione urbana capaci di mettere al centro del loro sviluppo la creatività contemporanea. Nasce così l’idea di scambiare saperi con città creative come Fabriano, città di pittori, fabbri e mastri cartai conosciuta nel mondo per la sua carta. Ma penso anche a tutti gli artisti locali che in città si occupano di attività creative che toccano più campi. La sfida che abbiamo di fronte implica un maggiore coinvolgimento dei giovani talenti che abitano il nostro comune e il concorso entra in quest’ottica».

Per la realizzazione di opere artistico/creative in legno da collocarsi nella pineta l’amministrazione ha messo a disposizione un budget di 1.500 euro per ciascun artista selezionato, per un totale di 10.500 euro. Opere che una volta terminate verranno spostate di pochi passi, come spiega l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Carrara, Andrea Raggi: «Le opere saranno successivamente rimosse da questa posizione e collocate nell’adiacente pineta dove verranno posizionate su una base apposita. Ogni progetto verrà valutato secondo alcuni criteri come l’inserimento estetico dell’opera nel contesto di riferimento, il piano di manutenzione, la capacità di lettura dell’opera da parte dei bambini, la fruibilità dell’opera da parte dei cittadini nel contesto urbano di riferimento, la qualità artigianale e l’originalità artistica e l’innovazione e valenza sociale».