Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Chiede di vedere il suo cane per l’ultima volta, la Croce Oro glielo porta: visita speciale alla ‘Don Gnocchi’

E' la storia di un paziente di Carrara ricoverato nel reparto Hospice della struttura di Marina di Massa. I ringraziamenti al personale sanitario: «Hanno mostrato grande umanità»

MASSA – L’amore per il proprio cane più forte del covid, della lontananza e della malattia. Il desiderio di dargli un ultimo abbraccio, come migliore medicinale per alleviare il dolore. E la disponibilità e l’empatia di chi non ha esitato un attimo a dare il suo contributo per regalare un piccolo momento di serenità. E’ la storia di un paziente di Carrara ricoverato nel reparto Hospice della Don Gnocchi di Marina di Massa, un uomo di 47 anni, che grazie all’aiuto della Croce Oro di Massa-Carrara e degli operatori sanitari della struttura, ha potuto ricevere una visita speciale. “Un parente del paziente ci ha contattato due giorni fa – spiega Claudio Simonini, presidente della Croce Oro – per chiederci se vi posse la possibilità di accontentare il volere di questa persona, che aveva espresso il desiderio di abbracciare il proprio cane per l’ultima volta. Quindi ci siamo rivolti al personale del reparto Hospice che, con grande gentilezza e disponibilità, ci ha spiegato come fare. Non era così scontato riuscirci, dato il momento particolare di emergenza covid che richiede sempre il rispetto di procedure particolari”.

“All’arrivo del cane, il paziente lo ha accolto con grande gioia, ed anche l’animale gli ha fatto festa. Sono rimasti insieme circa 40 minuti, mentre noi attendevamo fuori – racconta Simonini, che poi ringrazia ancora una volta il personale della Don Gnocchi: “Ci uniamo ai ringraziamenti della famiglia per la grande disponibilità di infermieri e medici. Nonostante le difficoltà legate all’emergenza, hanno capito la situazione, ed ha prevalso l’umanità”.