Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Contro degrado e abbandono rifiuti, a Carrara arrivano gli ispettori ambientali

Il Consiglio comunale ha approvato il nuovo Regolamento per l'istituzione di questa figura. Montesarchio (M5s): «Collaborerà con la polizia municipale»

CARRARA – È stato approvato ieri dal Consiglio comunale di Carrara il “Regolamento per l’Istituzione della figura dell’ispettore ambientale comunale”. Con questo atto, già passato al vaglio della commissione 8 Ambiente e Polizia municipale, presieduta da Giovanni Montesarchio (M5s) viene introdotto un ruolo innovativo, “di raccordo” tra cittadino, Comune, Polizia municipale e Nausicaa.  Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle spiega infatti che «gli ispettori avranno l’importante compito di dare informazioni alla cittadinanza su differenziazione e smaltimento dei rifiuti, verificare la correttezza dei conferimenti sia dal punto di vista della tutela dell’ambiente sia per quanto riguarda il decoro urbano».

L’ispettore ambientale, verrà selezionato tra il personale appositamente formato di Nausicaa e lavorerà con gli agenti della Polizia municipale, ai quali resta la responsabilità delle eventuali sanzioni. Il regolamento prevede inoltre la possibilità per il mondo dell’associazionismo di collaborare con gli ispettori, partecipando all’opera di informazione al cittadino in modo da dare un contributo concreto allo sviluppo di una maggiore consapevolezza ambientale e attenzione al decoro.

«Anche alla luce delle innovazioni introdotte tra il 2020 e il 2021 sul fronte della raccolta dei rifiuti, con l’estensione del porta a porta e l’avvio del nuovo sistema per Carrara centro, questa figura è quanto mai necessaria: diventerà un punto di riferimento vero per i cittadini. Siamo certi inoltre che a collaborazione tra ispettori e polizia municipale, contestualmente all’estensione della video sorveglianza,  imprimerà un giro di vite agli abbandoni illeciti, purtroppo ancora molto frequenti» spiegano dal Movimento.

Il regolamento è stato approvato ieri con il sì della maggioranza e del consigliere Lorenzo Lapucci, e astensioni «in qualche caso imbarazzanti e in altri pretestuose» le definisce il M5s. «ll Pd si è astenuto perché il suo rappresentante in Commissione Ambiente ha candidamente ammesso davanti a tutto il Consiglio comunale di non aver partecipato alle sedute dedicate al Regolamento e di non averne compreso alcuni passaggi – spiega Giovanni Montesarchio –  Queste affermazioni si commentano da sé e non voglio aggiungere altro. Carrara Democratica, pur avendo tra le sue fila esponenti che solo qualche anno fa proponevano l’istituzione di questa figura, si è chiamata fuori – aggiunge il presidente della Commissione Ambiente –  adducendo spiegazioni decisamente arzigogolate, che peraltro trovano smentita nel testo stesso del Regolamento. Cito su tutti i dubbi sollevati sulla “professionalità” degli ispettori: trattandosi di soggetti scelti tra il personale di Nausicaa, sicuramente hanno già una preparazione di base, a cui si aggiungerà comunque una formazione mirata».