Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Centro vaccinale a Imm-Carrarafiere: trovato l’accordo. Ora può partire la vaccinazione di massa

Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha incontrato in comune a Carrara i vertici di Imm, il sindaco Francesco De Pasquale, l'ex primo cittadino Angelo Zubbani, consigliere per le vaccinazioni nominato da Giani, e la direttrice dell'Asl nord ovest Maria Letizia Casani

CARRARA – Può partire finalmente la realizzazione dell’hub vaccinale nei padiglioni di Imm-Carrarafiere. Nei giorni scorsi la questione relativa alla quota di affitto da pagare sembrava aver bloccato l’iter, ma adesso tutte le parti coinvolte hanno raggiunto un accordo. Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha incontrato in Comune a Carrara i vertici di Imm, il sindaco Francesco De Pasquale, l’ex primo cittadino Angelo Zubbani, consigliere per le vaccinazioni nominato da Giani, e la direttrice dell’Asl nord ovest Maria Letizia Casani.

Un passo importante in ottica vaccinazione di massa, che tutti attendevano con apprensione. In mattinata era stato infatti il comitato salute pubblica di Massa-Carrara a chiedere di accelerare i tempi. “Sembra persino retorico – affermavano in un comunicato – sottolineare che tale sede è ottimale dato che ha gli spazi, la viabilità, la raggiungibilità, i parcheggi e tutto quello che serve per essere l”hub vaccinale’ della provincia; qualsiasi altra struttura del nostro territorio non ha tutte queste caratteristiche messe insieme. Esortiamo dunque i responsabili regionali a sbloccare quanto prima ogni ostacolo e a dotare questa martoriata provincia del centro vaccinale che si merita, dotato di tutti i requisiti al massimo livello possibile”. Il comitato si appellava quindi al presidente Giani, al consulente per i vaccini Angelo Zubbani e al sindaco De Pasquale affinché “non facessero mancare ai cittadini questa opportunità”. “In questo momento come non mai per ognuno di noi è indispensabile nutrire la speranza: sapere che avremo un centro vaccinale ampio e sicuro per tutti potrà davvero far sentire protetti tutti i cittadini”.

Un forte pressing era arrivato anche dal Movimento 5 Stelle di Massa: “Non si perda altro tempo – esortava la  vicepresidente del Consiglio comunale Luana Mencarelli – Il complesso di Marina di Carrara è senza dubbio nell’immediato la miglior scelta visto che è facilmente raggiungibile ed ha i requisiti indispensabili: entrate e uscite differenziate, parcheggi, spazi necessari e servizi. Le alternative avanzate ad oggi, come ad esempio la realizzazione di tensostrutture all’aeroporto o al mercato delle Jare, sono soluzioni nettamente inferiori con costi maggiori e non credo sia il caso di fare campanilismi in piena pandemia. I soci di Imm sono per la maggioranza pubblici e mi auguro che ognuno faccia la propria parte per poter procedere in maniera celere alla definizione del contratto di servizio”.

“Ricordo che gli ultraottantenni vengono vaccinati dai medici di famiglia e non hanno quindi il problema di recarsi fuori città – aveva detto infine la consigliera dei 5 stelle -. Potremmo pensare di trovare una soluzione per facilitare lo spostamento di chi ha già il disagio di vivere nelle frazioni montane indirizzandoli al distretto di via Bassa Tambura” conclude la Consigliera del Movimento 5 Stelle”.