Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Baker Hughes sceglie Paolo Noccioni come futuro Presidente di Nuovo Pignone

FIRENZE – Baker Hughes annuncia oggi, mercoledì 3 marzo, l’intenzione di nominare Paolo Noccioni quale Presidente di Nuovo Pignone International, entità legale e capofila delle altre società del gruppo che fa parte di Turbomachinery & Process Solutions (Tps), uno dei quattro business di Baker Hughes, e quella con maggior presenza in Italia. Tps fa capo a Rod Christie, executive vice president Baker Hughes e amministratore delegato di Nuovo Pignone. La nomina formale avverrà in corrispondenza del rinnovo delle cariche del consiglio di amministrazione che si terrà contestualmente con l’approvazione del bilancio, come di consueto prevista a fine giugno.

Paolo Noccioni subentrerà a Michele Stangarone a luglio 2021. Stangarone, in carica dal 2018, continuerà la sua collaborazione con Baker Hughes come Strategic Advisor fino a gennaio 2022.

«Sono onorato di essere stato scelto da Baker Hughes per questo nuovo incarico, e sono orgoglioso di poter guidare una società leader nelle tecnologie al servizio dell’energia in Italia e nel mondo – ha commentato Paolo Noccioni – Il futuro ci riserva una grande sfida: dovremo infatti guidare l’industria verso una transizione energetica che assicuri risorse accessibili e sostenibili, rispettando al contempo gli impegni ambientali che ci siamo prefissati. È per questo che ci siamo impegnati a diventare un’azienda carbon-neutral entro il 2050, dimezzando le emissioni dirette e indirette derivanti dalle nostre attività entro il 2030. Sono fiducioso che, grazie alle solide basi poste da Michele Stangarone durante la sua presidenza, Nuovo Pignone come parte di TPS e Baker Hughes continuerà a coniugare transizione energetica e sostenibilità»

«Sono sempre stato orgoglioso e felice di lavorare in Nuovo Pignone e nel gruppo Baker Hughes, – ha dichiarato Michele Stangarone – In questi 36 anni ho visto l’azienda svilupparsi in modo significativo attraverso la continua innovazione, gli investimenti in altissima tecnologia e l’impegno dei collaboratori che hanno saputo affrontare le sfide del mercato. Ringrazio l’azienda per la fiducia che mi ha accordato e coloro con i quali ho condiviso questa grande avventura. Abbiamo sempre avuto la determinazione nel giocare un ruolo di primo piano nel mercato dell’energia, con spirito di attenzione e servizio verso i nostri clienti. Con Paolo ho collaborato per tanti anni condividendo valori ed obiettivi. Perciò sono sicuro che saprà affrontare con continuità le prossime sfide di Baker Hughes nella transizione energetica».