Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Disservizi Tim in Lunigiana, l’appello del sindaco di Tresana: «Intervenire è un dovere morale»

TRESANA – Dopo l’appello ad Open Fiber per la connessione in banda ultra larga (Bul) (da noi riportato QUI), il sindaco di Tresana Matteo Mastrini si rivolge a Tim per la telefonia mobile. “Da tempo segnalo ai principali gestori, fra cui Tim, gravi criticità inerenti la telefonia mobile in alcune frazioni del Comune di Tresana. Ho particolarmente apprezzato la disponibilità e la sensibilità, dimostrate con l’investimento realizzato a Villa, dove si sono spesi circa 80.000 euro per raggiungere tutte le frazioni del versante. Adesso però la pandemia acuisce le situazioni non ancora risolte e mi riferisco, in particolare, alle zone limitrofe a Novegigola e Giovagallo, dove il segnale è totalmente assente. Ci sono ragioni di Protezione Civile e di emergenza urgenza che non possono attendere: a Bola, a Groppo, a Giovagallo, ma anche a Boceda, a Rovaro, a Novegigola e nella quasi totalità dei paesi limitrofi non si può utilizzare il cellulare. Ci sono poi problemi di ricezione in altre località come Careggia e Serrapiana, ma anche a Catizzola, Lorenzana e Popetto”.

“Mi rendo conto che siamo nell’epoca del marketing e dell’economia di mercato – conclude il primo cittadino – ma mi sento di far valere le ragioni dei più deboli, che spesso non hanno voce. Persone anziane e sole, persone diversamente abili che, in caso di bisogno, si trovano in grande difficoltà. Nessuno si deve sentire cittadino di serie b e penso che i grandi gruppi dovrebbero investire parte degli utili in interventi di carattere sociale. Dovrebbe essere un obbligo imposto dallo Stato, ma anche un dovere morale”.