Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Tamponi rapidi nelle scuole, a Massa-Carrara 5 positivi tra i 576 studenti testati

Un primo bilancio della campagna di monitoraggio delle infezioni da Covid-19 "Scuole sicure" , partita il 15 gennaio 2021. Più di 5mila i test rapidi effettuati nel territorio di Usl Toscana nord ovest

MASSA-CARRARA – 576 tamponi antigenici rapidi agli studenti degli istituti scolastici superiori di Massa-Carrara: da questi, sono emersi 5 casi positivi confermati con tampone molecolare. Sono i dati forniti dall’Asl Toscana nord ovest a seguito dei quasi 5mila test rapidi effettuati agli studenti del territorio dell’azienda sanitaria. Soltanto 15 soggetti, in tutto, sono risultati positivi. La campagna di monitoraggio delle infezioni da Covid-19 “Scuole sicure” è partita il 15 gennaio 2021, in attuazione di quanto previsto dalla giunta regionale della Toscana con la delibera 1645 del 21 dicembre scorso.

L’innovativo progetto regionale, caratterizzato dall’offerta attiva alle scuole di tamponi antigenici, è finalizzato a ridurre al minimo le interruzioni nell’istruzione dei ragazzi.  Sono state infatti attivate linee guida rigorose con l’obiettivo di ridurre le possibilità di infezione e di attivare un programma di sorveglianza attiva per intercettare gli eventuali casi positivi e per monitorare in maniera costante l’eventuale diffusione del virus negli ambienti scolastici.

In ogni istituto aderente alla campagna sono coinvolti cinque alunni per ciascuna classe della sezione individuata per il monitoraggio (quindi venticinque studenti per ogni indirizzo di studio). Ovviamente, quando si riscontra in una classe una sospetta positività, viene garantita in tempi rapidissimi l’esecuzione di un tampone molecolare per l’eventuale conferma del contagio. Nel caso sia poi confermata la positività al Covid-19, si attiva subito l’attività di tracciamento: l’intera classe e gli insegnanti interessati vengono sottoposti alle verifiche del caso.

Questa la situazione nei 5 ambiti territoriali dell’Azienda USL Toscana nord ovest.

Ambito territoriale di Massa-Carrara: sono stati effettuati finora 576 tamponi antigenici rapidi con 5 casi positivi confermati con tampone molecolare.
Ambito territoriale di Lucca: sono stati eseguiti dal 15 gennaio al 20 febbraio 1.398 tamponi antigenici rapidi con 6 casi positivi confermati con tampone molecolare.
Ambito territoriale di Pisa: sono stati effettuati fino al 20 febbraio 1.327 tamponi antigenici rapidi con 1 caso positivo confermato con tampone molecolare.
Ambito territoriale di Livorno: sono stati eseguiti finora 1.341 tamponi antigenici rapidi con 2 casi positivi confermati con tampone molecolare.
Ambito territoriale della Versilia: sono stati effettuati entro il 20 febbraio 270 tamponi antigenici rapidi con 1 caso positivo confermato con tampone molecolare.

Questi i test rapidi eseguiti nelle prime 6 settimane della campagna di monitoraggio: 114 nella settimana fino al 16 gennaio; 474 dal 18 al 23 gennaio; 858 dal 25 al 30 gennaio; 1.155 dal 1° al 6 febbraio; 1.182 dall’8 al 13 febbraio, 1.039 dal 15 al 20 febbraio.

“Il programma, che continuerà indicativamente fino al 10 giugno 2021 – sottolinea il direttore generale dell’Azienda Usl Toscana nord ovest Maria Letizia Casani – sta rafforzando la nostra  capacità di testare un numero elevato di soggetti asintomatici per facilitare l’individuazione precoce delle catene di trasmissione del virus, in integrazione con altre iniziative volute sempre dalla Regione Toscana come Territori sicuri. Ringrazio gli Uffici Scolastici Territoriali, con cui i nostri professionisti dell’Igiene e Sanità Pubblica sono in costante contatto e che fin dall’inizio ci hanno fornito la massima collaborazione dandoci la possibilità di portare avanti, insieme al personale delle scuole interessate, questa importante iniziativa. E’ uno sforzo comune che coinvolge il sistema sanitario e l’intero mondo della scuola, con l’obiettivo di  consentire in sicurezza la didattica in presenza”.

“Grazie a questa campagna di screening partita il 15 gennaio e con un numero di test antigenici in costante crescita – sottolinea il responsabile aziendale del progetto, Luigi Rossi – stiamo tenendo sotto controllo in maniera costante la circolazione del virus nelle scuole del nostro ampio territorio.

Le unità funzionali di Igiene Pubblica di ciascun territorio hanno formato delle equipe composte da medico (scolastico) e infermiere che, con un calendario concordato con i dirigenti scolastici si recano negli istituti per eseguire, in ogni plesso, i 25 tamponi agli studenti preventivamente arruolati e dopo aver ovviamente raccolto il loro consenso e (per i minorenni) quello dei genitori.

Questi i responsabili delle unità funzionali dell’Igiene e Sanità Pubblica che stanno coordinando a livello locale il progetto: Rosa Luzzoli – Apuane; Francesco Sacchelli – Lunigiana;  Giovanna Camarlinghi – Lucca e Valle del Serchio; Franco Barghini – Versilia; Antonio Gallo – Pisana; Piero Cibeca – Alta Val di Cecina Val d’Era;  Claudio Tofanari –  Livornese; Alessandro Barbieri – Valli etrusche; Luigi Genghi – Elba.