LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Da aprile scorso 33mila visite e 4mila tamponi nelle Rsa lunigianesi». Tutti i numeri delle Usca foto

Ne parla la Società della Salute Lunigiana, attraverso il direttore Amedeo Baldi: «Ecco gli strumenti che abbiamo utilizzato nel nostro lavoro»

LUNIGIANA – Dal 6 aprile 2020, nelle Rsa lunigianesi sono state effettuate 33.232 visite e 5.404 tamponi. Numeri, questi, forniti dalle Usca, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, e riportati dalla Società salute della Lunigiana in un comunicato: “Uno staff di 15 medici e 17 infermieri coordinati dal direttore della Società della Salute della Lunigiana, Amedeo Baldi, i quali si sono avvicendati nel loro ruolo al servizio delle persone più esposte al virus, in particolare gli anziani, utilizzando i più moderni dispositivi medici”.

“A partire dalla strumentazione per la emogasanalisi, che, nello specifico, permette di analizzare sul campo – precisa Baldi – il campione di sangue appena prelevato attraverso un computer portatile e un lettore di card. La precisione e l’accuratezza dei parametri ottenuti con questa strumentazione permettono di rilevare situazioni potenzialmente critiche e agire prontamente, garantendo un importante vantaggio rispetto all’utilizzo della normale strumentazione in dotazione quale pulsossimetro e fonendoscopio”.

“A disposizione delle Usca – precisano dalla SdS ci sono anche 10 kit per la telemedicina, forniti dall’ingegner Fanucci dell’Università di Pisa, il quale collabora con la SdS Lunigiana per sviluppare sul territorio la telemedicina. Da sottolineare, poi, che l’assistenza infermieristica delle Usca si prende cura al proprio domicilio delle persone affette da Covid-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero, supportando i medici nell’esecuzione di elettrocardiogramma ed ecografie polmonari”.

“Una collaborazione che ha permesso di rispondere ai bisogni della popolazione degli utenti affetti da Covid-19 costretti a domicilio, spesso anche in condizione di estrema solitudine” – aggiunge il direttore della Società della Salute, il quale evidenzia che “nella valutazione del paziente affetto da Covid-19, spesso gli strumenti di diagnostica tradizionale risultano inefficaci”.

La tecnologia ci può venire in soccorso? “Certo, e un grosso aiuto in tal senso – rimarca Baldi – è venuto dall’ecografia toracica: infatti, grazie agli ecografi portatili le Usca sono state in grado di diagnosticare precocemente i casi di  polmonite interstiziale ed evitare così il ricovero del paziente. Nel corso dell’attività la strumentazione si è, quindi, arricchita di emogasanalizzatori e di elettrocardiografi portatili, con i quali è stato possibile approfondire la valutazione anche dei pazienti più compromessi. Da più di un mese, inoltre, le USCA si avvalgono di kit di strumentazione bluetooth, che viene lasciata a casa del paziente e permette di rilevarne costantemente i parametri vitali: i dati raccolti vengono processati su un applicativo web gestito dall’Università di Pisa, in grado di evidenziare situazioni di allarme”.

Questi i nomi dei medici al lavoro nelle Usca: Lorenzo Giorgini, Alessandro Bicchi, Simone Donati, Valerio Valente, Claudio Gasperi, Amanda Bianchi, Mattia Vasoli, Franco Fontana, Simone Ravera, Giacomo Arrighi, Sara Torri, Gualtiero Bencini, Andrea Rossi, Fabio Dolfi e Galadriel Alonso.
Di seguito, invece, gli infermieri: Karina Carpanesi, Monia Paolini, Michele Galassi, Francesca Pani, Letizia Carlotti, Sara Mettifogo, Giuliana Bertoli, Laura Grillo, Simona Lombardi, Sabrina Viglianesi, Francesco Bongi, Laura Micheli, Rita Bianchi, Lorena Speranza, Lara Fontana, Lucia Mori e Ilaria Bertazzolo. Questi ultimi sono coordinati da Antonella Nobili (PO infermieri USCA) e da Anna Fornari (dirigente infermieristico), mentre a seguire le RSA con casi di Covid-19 è la specialista geriatra Carolina Mobilia e a coordinare l’Agenzia di Continuità Ospedale Territorio (ACOT), in sinergia con le USCA, è il medico di comunità Chiara Lorenzini.

“A tutti loro va il mio più sincero ringraziamento per il lavoro infaticabile sul territorio e per la professionalità e l’umanità dimostrate nei confronti delle persone assistite, soprattutto anziani in condizioni di fragilità”, conclude Baldi.

“Infine – sottolineano dalla Società della Salute – è doveroso rendere merito ad un altro bel gesto di solidarietà nei confronti della Società della Salute della Lunigiana. Infatti, il Rotary Club Lunigiana e la Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, con il supporto di una cinquantina di associazioni coordinate dall’associazione “Cio nel cuore”, hanno effettuato una nuova e importante donazione alla SdS Lunigiana, come era accaduto nella primavera dello scorso anno durante la prima ondata di contagi da Covid-19. La donazione comprende un ecografo polmonare, un elettrocardiografo, due defibrillatori, tre saturimetri e numerosi dispositivi di protezione individuale, che vanno ad integrare le strumentazioni all’avanguardia messe a disposizione dall’ASL Toscana Nord Ovest”.