LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Un nuovo volto per l’ex Campo Profughi: il Comune in corsa per il bando

Il sindaco De Pasquale: «Una grande occasione che vorremmo cogliere per riqualificare un’area abbandonata da decenni e creare nuove opportunità per i giovani e le famiglie della nostra città»

MARINA DI CARRARA – L’amministrazione comunale di Carrara ha formalizzato la sua manifestazione di interesse ad aderire al bando per l’attuazione del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare” (Pinqua), così come previsto dal Decreto interministeriale numero 395 del 16/09/2020. Il bando assegna 853,81 milioni di euro, con un contributo massimo fino a 15 milioni di euro, per interventi mirati a “riqualificare e incrementare il patrimonio destinato all’edilizia residenziale sociale, a rigenerare il tessuto socio-economico, a incrementare l’accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici, nonché a migliorare la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini, in un’ottica di sostenibilità e densificazione, senza consumo di nuovo suolo e in base ai principi e gli indirizzi adottati dall’Unione europea, secondo il modello urbano della città intelligente, inclusiva e sostenibile”.

Carrara partecipa con un progetto dedicato a tutta l’area dell’ex Colonia Vercelli (Campo Profughi) realizzato dall’ingegner Emanuele Donadel. Più precisamente, sull’area su cui oggi sorge il cosiddetto Capannone Carnevale è prevista la realizzazione di alloggi di edilizia popolare e residenziale sociale; la riqualificazione della pineta antistante a parco fruibile, aperto e inclusivo; la ristrutturazione dell’Ex Campo Profughi con la realizzazione al piano terra di un cinema/teatro e di un ristornate e, al piano superiore, di uno spazio per attività culturali rivolte a giovani e/o bambini; il recupero del Pallone, da destinare ad attività sportive e attività rivolte ai giovani; altre funzioni che fanno parte della crescita psicofisica e culturale dei giovani; la riqualificazione della zona e dell’immobile oggi destinato a Caserma dei Carabinieri.

«Si tratta di una grande occasione che vorremmo cogliere per riqualificare un’area abbandonata da decenni e creare nuove opportunità per i giovani e le famiglie della nostra città. Per farlo è importante il supporto di enti pubblici, soggetti del terzo settore, società e associazioni a cui chiediamo di diventare nostri partner nella presentazione e attuazione della proposta progettuale» spiega il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale.

La proposta sarà accompagnata da un processo partecipativo orientato a raccogliere proposte, idee, disponibilità che potranno andare a costituire parte delle azioni di supporto agli interventi e alla rigenerazione dei tessuti e del capitale sociale, con un particolare riferimento alla “mixite sociale”, intesa quale categoria di azione pubblica delle politiche urbane che funge da antidoto ai processi di segregazione e valorizza la prossimità sociale tra gruppi eterogenei.

Sul sito del comune di Carrara, anche attraverso la notizia pubblicata in homepage, è possibile visionare e scaricare l’avviso pubblico e i moduli di adesione per la costituzione di forme di partenariato su questo progetto.