LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Il grido di Cerreto Laghi: «Un danno da 6-7 milioni di euro»

«Siamo stati presi in giro fin dall'inizio»

CERRETO LAGHI – Un danno stimato in circa 6/7 milioni di euro per tutta l’economia della montagna di Cerreto Laghi. Siamo coscienti che l’emergenza esiste ed è reale. Una pandemia mondiale che ha provocato vittime e che ha modificato e modificherà ancora i nostri comportamenti per i prossimi anni. Riteniamo però che come è stata gestita l’intera economia della montagna sia ingiustificabile”. Lo si legge nella nota diffusa nelle scorse ore da Turismo Appennino – Cerreto Laghi, la stazione sciistica parmense riferimento per tanti spezzini. “Siamo stati presi in giro dall’inizio. Ci hanno detto: aprirete il 5 dicembre, poi a Natale, poi il 7 gennaio, poi il 25 gennaio, quindi la data del 15 febbraio – si legge ancora – Poi quello che è successo il 14 febbraio alle 19.00 circa: ingiustificabile! A circa 13 ore dall’apertura, dopo 10 giorni di lavori, investimenti ed illusioni, la folle ordinanza firmata dal Ministro Roberto Speranza 10 giorni fa ci hanno dato linee guida per l’apertura con il protocollo validato dal CTS. Ci abbiamo creduto e ci siamo attenuti a quelle indicazioni con lavoro e investimenti. Negli ultimi giorni la Turismo Appennino ha investito circa 25/30 mila euro per la messa in sicurezza, per la sistemazione delle piste, per l’acquisto del software per gli skipass on-line e per assumere personale per gli impianti. Poi improvvisamente e all’ultimo minuto hanno cambiato idea senza un senso, senza una motivazione plausibile”.

Per gli operatori “questo è ingiustificabile, ci vuole rispetto per la montagna e per chi ci lavora! Riteniamo che solo degli irresponsabili possano agire così con un comportamento al limite della legalità e del buon senso. Questa classe dirigente, lontana dalla realtà e dalla gente che lavora, ha trattato tutte le persone che vivono in montagna come dei sudditi. Ora basta! Chiediamo infine a questa classe politica se il 5 marzo è una data certa per una probabile apertura o se è l’ennesima illusione per una economia, quella Montana, ormai portata allo stremo”.

Da Cerreto Laghi anche le seguenti importanti informazioni:

GIORNALIERI ACQUISTATI NEI GIORNI SCORSI
“Rimborseremo tutti i giornalieri che sono stati acquistati dai nostri clienti e amici che frequentano da sempre il nostro comprensorio. Sia quelli acquistati on-line che quelli comprati direttamente in biglietteria.
Coloro che hanno effettuato il bonifico on-line verranno rimborsati direttamente sul conto corrente da cui hanno fatto il pagamento.
Coloro che hanno acquistato il giornaliero in biglietteria devono tornare in biglietteria anche nel prossimo weekend previo appuntamento 333.1096491 per il rimborso”.

STAGIONALI
“Per gli stagionali attueremo quello che avevamo detto a inizio stagione, saranno validi anche per la prossima stagione”.

IL FUTURO
“Il prossimo fine settimana gli impianti saranno aperti per gli impegni presi con il comitato e con gli sci club al fine di organizzare gare e allenamenti in totale sicurezza.
La prossima settimana valuteremo se mantenere ancora aperti gli impianti per gli allenamenti oppure se cessare definitivamente l’attività per questa stagione con molto rammarico”.