Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Un’altra settimana in zona gialla per la Toscana: la conferma dal ministro Speranza

Il governatore Giani: «Continuiamo così, manteniamo la responsabilità che ci appartiene e impegniamoci ogni giorno per diminuire sempre più i contagi»

TOSCANA – La Toscana, e quindi anche la provincia di Massa-Carrara, continua a essere in zona gialla per un’altra settimana. Lo ha comunicato in questi minuti il presidente della Regione, Eugenio Giani, dopo aver ricevuto la conferma dal ministro della Salute, Roberto Speranza.

«Ho appena parlato con il ministro Speranza – ha scritto Giani sui social – mi ha ufficializzato che la Toscana sarà ancora zona gialla. Continuiamo così, manteniamo la responsabilità che ci appartiene e impegniamoci ogni giorno per diminuire sempre più i contagi. La #ToscanasiCura dipende da ciascuno di noi, coraggio!».

COSA SI PUÒ FARE E COSA NO
Questa la sintesi delle prescrizioni:

  • didattica in presenza fino al 75% (minimo al 50%) negli istituti secondari;
  • ristoranti e bar aperti con servizio al tavolo fino alle 18, poi sarà consentito l’asporto solo per i ristoranti fino alle 22;
  • asporto: consentito soltanto fino alle 18 per gli esercizi che vendono bevande alcoliche (codici Ateco 56.3 e 47.25), fino alle 22 per gli altri;
  • musei aperti al pubblico dal lunedì al venerdì;
  • resteranno, invece, chiusi fino al 15 febbraio gli impianti sciistici;
  • fino al 15 febbraio divieto di spostamento tra regioni;
  • mezzi di trasporto: capienza massima fissata al 50%;
  • gli spostamenti fuori regione sono consentiti solo per motivi di lavoro, necessità o salute (scarica QUI l’autocertificazione).