LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

“In viaggio verso Auschwitz”, 49 elaborati da tutta la Toscana. E tra i migliori c’è quello di un’insegnante di Massa

Si tratta di una docente del Liceo classico Rossi di Massa, Carla Marchini che ha partecipato al corso realizzato dalla Fondazione Museo e Centro di documentazione della Deportazione e Resistenza di Prato, grazie al contributo della Regione Toscana

TOSCANA – Particolarmente apprezzato nel giorno della Memoria l’elaborato di una docente della 3C del Liceo classico P. Rossi di Massa. Si tratta Carla Marchini, che insieme ad altri insegnanti toscani ha partecipato a “In viaggio verso Auschwitz”, il corso di formazione e aggiornamento tra storia e memorie per docenti delle scuole secondarie di secondo grado, realizzato dalla Fondazione Museo e Centro di documentazione della Deportazione e Resistenza di Prato, grazie al contributo della Regione Toscana. 49, in tutto, i lavori presentati al termine del corso. Quello presentato dall’insegnante del “Rossi” si intitola “Ci sono orizzonti che attendono i nostri passi”.

Il binomio indifferenza- umanità visto anche nel complesso rapporto tra presente e passato, l’emotività e la storia, le riflessioni sulle responsabilità personali e il superamento degli stereotipi del tempo presente. Diversi gli spunti di riflessione e di lavoro emersi durante il percorso intenso che è sfociato in lavori tutti di qualità.

Dei 49 elaborati prodotti, 4 sono stati i lavori finalisti presentati pubblicamente ieri, 26 gennaio, nella seconda parte del meeting online “Giorno della memoria 2021” per gli studenti toscani, iniziativa nell’ambito di Giovanisì.

Ecco i titoli:
– “Indifferenza e Umanità” docenti Maria Grazia Bonanno e Valeria Bianconi, classe 3LA e classe 5PBS dell’Istituto G.Giovagnoli” di Sansepolcro (AR)
– Lettera di Lena” docente Franca Licata, studente Alex Kau, istituto Marconi di Prato
– “La storia di Ernst Lossa” , docente Maria Cristina Berti, classe 5C del Liceo Chini di Camaiore

Menzione speciale per:
– “Io sono il mio numero” docente Ambra Marco, 5A del Liceo scientifico R.Foresi di Portoferraio (Li)

A questi se ne aggiungono 10 che la Commissione valutatrice ha apprezzato in modo particolare:
– “La strada che passa per Auschwitz” della docente Paola Diridoni, Classe 4 A dell’Istituto IISS Chini – Michelangelo di Forte dei Marmi (LU).
– “La strada per Auschwitz” docente Maria Amelia Mannella, classe 4B scientifico dell’ISS Chini -Michelangelo di Forte dei Marmi (LU).
– “Sei diverso, per questo ti odio” docenti Elisa Forconi, Cerrai, Liguori, Pecori, classi 3B e 4AT dell’Istituto Superiore “Galilei Pacinotti” di Pisa
“Ci sono orizzonti che attendono i nostri passi” docente Carla Marchini, 3C del Liceo classico Pellegrino Rossi di Massa
– “La nostra voce per ricordarli” docente Elisa Angelini, VA Liceo scientifico delle scienze applicate dell’IIS “Roncalli” di Poggibonsi (SI)
– “Aktion T4 e lo sterminio dei disabili” docente Fulvia De Maio, classe 5 CL dell’IIS Galileo Galilei di Firenze
– “Il mostro di pece” di Marianna Efremova docente Maria Amelia Mannella, studentessa Marianna Efremova dell’IISS Chini-Michelamgelo di Forte dei Marmi (LU)
– “Nel mio nome” docente Alice Leonini, classe 4B Arti figurative bidimensionali del Liceo Artistico di Siena
– “Chi è l’altro? La storia di Massimo D’Angeli”, docente Chiara Cecchi, classe 3D dell’ITS Marchi – Forti di Pescia
– “Il racconto di Dalia” docente Piera Giambi, classe 5B SA del Liceo Scientifico F. Cecioni di Livorno.