LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Rsa toscane, dimezzati in due mesi i casi di positività tra gli anziani. E il numero dei vaccinati cresce

Dai 1.840 ospiti ospiti positivi del 23 novembre scorso siamo scesi agli attuali 877 casi di positività. L'assessora Spinelli: "Si stanno rispettando tutti i piani nonostante le difficoltà legate ai ritardi nelle forniture"

TOSCANA – Sono più che dimezzati negli ultimi due mesi i casi di anziani positivi nelle Rsa toscane. Secondo l’ultima rilevazione del 25 gennaio, diffusa dall’assessorato alle politiche sociali, dai 1.840 ospiti ospiti positivi del 23 novembre scorso siamo scesi agli attuali 877 casi di positività (526 nella Azienda sanitaria Toscana centro, 227 nella Nord Ovest e 124 nella Sud est).

In parallelo cresce invece il numero degli anziani vaccinati. In Toscana sono 11.791 le prime dosi di vaccino somministrate nelle Rsa e ad oggi sono 3.892 gli anziani che hanno ricevuto, così come previsto a distanza di 21 giorni dalla prima, la seconda dose di richiamo e che quindi hanno concluso la vaccinazione.

Su un totale di 95601 dosi utilizzate, il 16,4% sono state somministrate nelle Rsa della Toscana.

“L’andamento dei dati appare positivo rispetto alla situazione delle Rsa, che hanno attraversato fasi davvero molto difficili dal punto di vista dei contagi” – ha commentato l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli. “Le disposizioni dell’ordinanza di fine novembre, per favorire la massima separazione tra ospiti positivi e negativi, insieme agli strumenti di formazione, prevenzione e di informazione forniti alle strutture e all’impegno di tutti gli operatori, dei gestori e delle Asl, hanno in questo senso contribuito al graduale miglioramento della situazione”.

“Questo trend di miglioramento, anche se da parte di tutti deve proseguire la massima attenzione – ha proseguito l’assessora – ora sarà fortemente sostenuto dalla campagna vaccinale in atto, che ha avuto gli anziani delle Rsa quali primi destinatari. Nonostante le difficoltà legate ai ritardi nelle forniture da parte di Pfizer BioNtech, infatti, nelle Rsa si stanno rispettando i piani e tutti gli anziani riceveranno nei tempi la seconda dose di vaccino”.

IL PUNTO DELL’ASL TOSCANA NORD OVEST
A ieri (25 gennaio) le vaccinazioni effettuate nel territorio di Usl Toscana nord ovest, erano 18.419 di cui 16.158 per prime dosi tra operatori sanitari (12.821), altro personale (789) e ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (2.548).  Sempre a ieri gli ospiti delle strutture residenziali a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino erano 727, per una percentuale del 28,5% di coloro che avevano ricevuto la prima dose. Questa la percentuale nei singoli territori: Apuane 57,4%; Lunigiana 26,5% (totale Massa-Carrara: 42%); Piana di Lucca 51,9%; Valle del Serchio 41,7%; Pisana 16,7%; Alta Val di Cecina Val d’Era 17,4%; Livornese 14,3%; Valli Etrusche 28,7%; Elba 40%; Versilia 16,9%.