LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Attilio Papini lascia la presidenza dell’associazione dei cronometristi apuani

MASSA-CARRARA – «Con cinquanta anni di anzianità federale e quaranta di conduzione dell’associazione dei Ficr Cronometristi Ufficiali Massa-Carrara, nel passare volontariamente il testimone, intendo salutare l’intero mondo sportivo con il quale ho avuto piacere ed onore di collaborare con l’augurio al delegato Coni Vittorio Cucurnia della riconferma del mandato per dare continuità gli obiettivi che fino ad oggi ne hanno sostenuto l’azione». Con queste parole Attilio Papini lascia la presidenza dei cronometristi apuani e cede il posto a Daniele Sozzi.

«Vi è in me il senso di profondo rammarico accanto alla consapevolezza che ogni ciclo deve avere un termine, e il mio non poteva chiudersi in un modo migliore – dice Papini –  Alla stella d’oro al merito sportivo da me ricevuta nel 2009, si va ad aggiungere quella di ugual livello recentemente insignita dal Coni all’associazione che presiedo. Questa piccola associazione, periferica rispetto al cuore della regione e alle attività sportive, svolgendo un alacre e qualificato impegno, ha visto i propri iscritti assumere ruoli e cariche di riconosciuta qualifica in ambito federale quali il consiglio della scuola, la presidenza della Commissione tecnica, l’ufficio di Procura, la commissione di appello, nonché il ruolo di istruttori federali e componenti della equipe azzurra. Negli anni, cronometristi apuani sono stati impegnati in manifestazioni di alto livello agonistico e spettacolare nelle varie discipline: dalle Olimpiadi ai campionati mondiali militari di atletica, dalle universiadi ai giochi del Mediterraneo, dai Golden Gala al mondiale rally. E poi ancora i mondiali di pugilato e di Kich boxing, i campionati europei di salvamento, i campionati universitari, le finali nazionali di giochi della gioventù e dei giochi sportivi studenteschi».

«Al mio successore Daniele Sozzi l’invito a tener vivi quei valori sportivi ed etici a me trasmessi da Mauro Morotti ed Enrico Salomoni» conclude l’ex presidente dell’associazione Ficr.