LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Tamponi rapidi a scuola, lunedì via ai test al “Salvetti” e al “Rossi” di Massa

La campagna prevede di testare ogni settimana 5 studenti diversi che frequentano dalla prima alla quinta classe di una sezione selezionata di ogni istituto

MASSA – Saranno l’istituto professionale “Salvetti” e il liceo classico “Pellegrino Rossi” le prime due scuole superiori di Massa coinvolte nella campagna di screening anti covid “Scuole Sicure”, promossa dalla Regione Toscana. Lunedì mattina alle 9:30 al “Salvetti” e martedì mattina al “Rossi”, sempre alle 9:30, saranno effettuati i primi tamponi sugli studenti.

La campagna, che è stata avviata a metà gennaio, utilizza test gratuiti antigenici semi rapidi con tampone naso faringeo, prevede di testare ogni settimana 5 studenti diversi che frequentano dalla prima alla quinta classe di una sezione selezionata di ogni scuola, cioè 25 studenti a scuola alla settimana. Una volta fatto il prelievo, il tampone è portato in laboratorio per l’analisi. In caso di positività al test antigenico sarà effettuata la verifica sullo stesso campione con test molecolare, se necessario. Qualora la positività venisse confermata verrà subito avviata l’attività di tracciamento.

«Lo screening  – spiega l’Asl Toscana nord ovest – sarà esteso progressivamente a ogni istituto delle superiori, pubblico e paritario, di ciascuna Area vasta della Toscana (Centro, Nord Ovest, Sud Est). Si stima che, a regime, saranno effettuati oltre 18mila test antigenici semi-rapidi con tampone naso-faringeo, ogni settimana fino a giugno, poiché la campagna durerà per tutto il resto dell’anno scolastico».

«Nel territorio della Ausl Toscana nord ovest lo screening è partito lo scorso 15 gennaio, quando sono stati eseguiti 200 tamponi in otto istituti scolastici secondari superiori dei territori a Lucca, Viareggio, Pisa, Pontedera, Livorno, Cecina e Piombino. Il monitoraggio è realizzato in collaborazione con gli Uffici scolastici territoriali, le scuole coinvolte e i professionisti dell’Igiene e sanità pubblica dell’Ausl.