LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Sicurezza idraulica a Carrara, M5S: «Punto cardine della nostra agenda politica»

CARRARA – «La sicurezza idraulica del territorio è stata fin dall’insediamento di questa amministrazione un punto cardine dell’agenda politica, così come l’ambiente, la gestione dei rifiuti e la gestione del servizio idrico integrato». Si apre così la nota stampa del Movimento 5 stelle di Carrara su un argomento delicato e centrale del territorio apuano.

Sicurezza e scupolosità, questi i punti cardini, secondo i pentastellati, dell’attuale amministrazione: «Attento e scrupoloso è stato il controllo da parte dell’amministrazione sui lavori svolti sul torrente Carrione,  – continua la nota – che ricordiamo sono di competenza della regione Toscana. Diversi sono stati gli interventi di messa in sicurezza di ponti e argini, ma la sicurezza idraulica del territorio passa anche attraverso gli strumenti urbanistici, strumenti importanti che in alcuni casi attendevano da anni e che proprio la nostra amministrazione ha predisposto. La sicurezza idraulica del nostro territorio è infatti legata a stretto giro con il mondo delle cave ed è proprio negli importanti documenti redatti, quali il regolamento degli agri marmiferi e i pabe, che si trovano tutta una serie di regole che hanno lo scopo di fornire prescrizioni chiare anche sulla gestione delle acque superficiali così come vi è stata inserita una maggiore tutela delle sorgenti. In ognuno degli atti portati avanti da questa amministrazione che abbiano un impatto sulla gestione del territorio si è voluto scrivere nero su bianco anche tutto quanto permettesse di andare a migliorare e garantire proprio la sicurezza idraulica».

«L’amministrazione ha fin da subito interloquito con il gestore del servizio idrico e grazie al continuo lavoro di rilevazione delle criticità e rapporto col gestore siamo riusciti ad ottenere importanti investimenti sulle fognature, sui depuratori, come quelli di Fossa Maestra e Castelpoggio, ed anche sul rinnovamento delle condotte idriche. – proseguono i pentastellati – Gli importanti ed annosi problemi di intorbidamento dell’acqua potabile nella frazione di Bedizzano sono stati risolti grazie ai colloqui continui fra amministrazione e soggetto gestore con individuazione di priorità di intervento».

«Dopo anni di tentativi da parte delle precedenti amministrazioni siamo riusciti, – conclude la nota – in pochi mesi e nel bel mezzo di una pandemia, ad estendere la raccolta porta a porta e ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata che a breve verrà estesa anche alle frazioni a monte e Carrara. Le auto abbandonate sul territorio, disseminate dovunque, sono state rimosse è ancora si stanno rimuovendo. Abbiamo ancora cose da fare e tempo per continuare a lavorare. Non ci tireremo indietro, e non ci spaventa quella buona fetta della vecchia politica che, sfruttando il sempre verde cambio di casacca, freme per cancellare tutti gli importanti risultati fin qui ottenuti».