Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Quasi 600 vaccinazioni al Noa, 120 a Pontremoli. Prosegue senza sosta la campagna dell’Asl

Sono i dati aggiornati al 5 gennaio. Dosi somministrate anche agli ospiti di 20 Rsa: 13 in Lunigiana, 7 nella zona Apuane

MASSA-CARRARA – Prosegue il piano di vaccinazioni anti-covid di Usl Toscana nord ovest. Anche con il maltempo e con la neve, come quella che ha ricoperto alcune strade della Lunigiana. In questa prima fase, lo ricordiamo, l’obiettivo è raggiungere gli operatori del sistema sanitario e ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa). Al 5 gennaio le persone vaccinate erano 4.655 tra operatori sanitari (3.447) e ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (1.208).

Questo il dettaglio per ospedale di riferimento (in questi dati sono comprese sia le vaccinazioni ospedaliere che quelle territoriali): ospedale Apuane: 597 vaccinazioni; ospedale di Lucca: 844 vaccinazioni; ospedale di Pontedera:  354 vaccinazioni; ospedale di Livorno: 828 vaccinazioni; ospedale di Cecina: 314 vaccinazioni; ospedale di Piombino:  200 vaccinazioni; ospedale Versilia: 587 vaccinazioni; ospedale di Fivizzano:  198 vaccinazioni; ospedale di Pontremoli: 120 vaccinazioni; ospedale di Barga:  89 vaccinazioni; ospedale di Castelnuovo Garfagnana: 42 vaccinazioni; ospedale di Volterra: 60 vaccinazioni; ospedale di Portoferraio: 59 vaccinazioni.

Altri operatori sanitari: 363 vaccinazioni.

Sempre al 5 gennaio, le dosi erano state somministrate agli ospiti presenti in 69 residenze sanitarie assistenziali (Rsa) così suddivise: Lunigiana 13, Apuane 7, Valle del Serchio 5, Piana di Lucca 9, Pisana 6, Elba 1, Versilia 5, Livornese 6, Alta Val di Cecina – Val d’Era 6 e Bassa Val di Cecina – Val di Cornia 11.

Le altre 43 strutture vengono raggiunte da oggi (6 gennaio, giornata in cui sono previste vaccinazioni in 6 Rsa) in poi, come previsto dalla tabella di marcia concordata con la Regione Toscana, grazie ai 24 team vaccinali composti da medici, infermieri, oss, assistenti sanitari, sociali e amministrativi operativi su tutto il territorio.