Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Antenna telefonia nella valle di Renara, l’assessore Balloni: «Iliad e Cai hanno definito gli aspetti contrattuali»

La consigliera Dei ha posto anche un altro problema legato alla costruzione di un ripetitore nel campo sportivo di Romagnano

MASSA – Durante la seduta di ieri sera del Consiglio comunale di Massa, e dedicata, come ogni primo lunedì del mese, alle interpellanze e alle interrogazioni dei consiglieri, è stato affrontato il problema della copertura del segnale per i cellulari nella valle di Renara. Più volte i cittadini dei paesi della valle si sono lamentati della mancanza di segnale che, di fatto, creava disagi anche nel dover chiamare i soccorsi in caso di emergenza. Per questo motivo, Roberta Dei, consigliera del gruppo misto, ha interrogato l’amministrazione comunale in merito alla costruzione di un’antenna radiobase di Iliad Italia nella valle.

«La stazione radiobase che Iliad ha intenzione di costruire – ha chiarito Paolo Balloni, assessore con delega all’innovazione tecnologica del comune di Massa – si trova nei pressi del rifugio Città di Massa, nel Parco delle Apuane e quindi in territorio di competenza del Cai. Iliad e Cai si sono seduti al tavolo per definire gli aspetti contrattuali che ora dovranno essere presentati al Suap.»

La consigliera Dei, però, ha posto anche un altro problema legato alla costruzione di un’antenna nel campo sportivo di Romagnano, chiedendo informazioni su tale progetto e se gli eventuali vincoli che l’amministrazione avesse posto a Iliad Italia.

«Non esiste alcun accordo tra Iliad e il Comune che leghi la realizzazione dell’antenna di Romagnano con quella di Renara. – spiega ancora Balloni – L’attivazione della stazione radiobase di Romagnano è volta a potenziare il segnale in pianura. In ogni caso, non vi è alcuna azione che blocchi la realizzazione di tale antenna, Iliad ha già presentato il progetto al suap e il rilascio dell’attivazione è imminente. Il canone sarà congruo a quanto decretato dall’atto di giunta dell’11 gennaio 2006: 18.500 euro annui più iva.»