LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«63mila euro per la strada del Vergheto e 25mila per il rifacimento della segnaletica»

Durante l'ultimo Consiglio comunale di Massa l'assessore Guidi ha presentato gli imminenti lavori

MASSA – Come ogni primo lunedì del mese, il consiglio comunale di Massa si è riunito per ascoltare le interpellanze e le interrogazioni dei consiglieri. Sono stati tanti i temi toccati dai vari esponenti. Come quello degli interventi di manutenzione delle strade e della segnaletica.

L’assessore con delega alla viabilità e mobilità Marco Guidi ha risposto alle varie interpellanze arrivate da Paolo Menchini (M5S), Gabriele Carioli (Pd) e Agostino Incoronato in merito ad alcune situazioni cittadine. In particolare, l’assessore Guidi ha presentato i lavori di rifacimento della segnaletica stradale, orizzontale e verticale, assegnati a Versilia Segnaletica per una cifra di 25.000 euro. Gli interventi, che verranno effettuati appena il meteo lo permetterà, andranno a toccare anche le zone della Cervara e di via Sottomonte, proprio come richiesto dal consigliere Incoronato.

Mentre ammonta a circa 63.000 euro la cifra che il Comune spenderà per un intervento globale sulla strada che porta al Vergheto, per metterla in sicurezza dalle frane e per rifare il manto stradale rovinato proprio da esse. Così come, proprio nella mattina di lunedì 4 gennaio, il comune ha avviato i lavori sul manto stradale di via Lavello per coprire la breccia che si era creata parallelamente al fosso bozzone.

Preoccupata, invece, per la sicurezza dei cittadini Roberta Dei, presidente del gruppo misto di maggioranza, che ha richiesto al sindaco di valutare la possibilità di istallare degli autovelox in via Marina Vecchia e nel centro di Turano. «Ci siamo confrontati più volte con i servizi interni e con gli organi con cui ci dobbiamo rapportare in merito a queste opzioni. – ha chiarito il sindaco Francesco Persiani – Purtroppo la normativa nazionale non ci permette di istallare dispositivi mobili o fissi in strade urbane, favorendo la notifica immediata dell’infrazione. In ogni caso, stiamo cercando di aumentare l’organico della polizia municipale e durante l’estate abbiamo istallato, non per fare cassa ma per prevenire sinistri, dei velored in due semafori: ai Ronchi e in Partaccia.»