Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

E nel presepe del duomo di Massa arriva l’infermiera anti-covid

L'iniziativa di Coldiretti e Confartigianato che hanno consegnato la statuina al vescovo Santucci

MASSA – Nel presepe del Duomo di Massa debutta l’infermiera anti-covid. È il nuovo personaggio del presepe 2020 che Coldiretti insieme a Confartigianato e Fondazione Symbola hanno voluto donare alla Diocesi di Massa-Carrara. La statuina simboleggia l’impegno di tutto il mondo della sanità e della cura, in particolare dei più deboli. A consegnarlo al vescovo di Massa Carrara Pontremoli, Giovanni Santucci sono stati il presidente di Coldiretti, Francesca Ferrari e il rappresentate di Confartigianato, Mirco Felici.

“La modernità del presepe viene proprio dal suo legame con la vita di tutti i giorni che per gli agricoltori e gli allevatori vuole dire conservazione dei territori, della biodiversità e della fattoria. – ha ricordato il presidente Ferrari –  “Agricoltori, medici ed infermieri non hanno mai smesso di lavorare in questa difficile pandemia per garantire la salute dei cittadini e l’approvvigionamento alimentare delle famiglie, nonostante i rischi e le difficoltà. Questa statuina rappresenta tutti coloro che sono in prima linea per il prossimo”.

La statuina è stata realizzata dalla Ditta artigianale napoletana “La Scarabattola”. “Riteniamo importante – ha spiegato Felici – ricordare l’impegno di tutto il personale sanitario che oltre all’impegno che normalmente li occupa, in questo anno ha moltiplicato gli sforzi per far fronte ad una situazione di emergenza nuova e imprevedibile. In questo senso ci riteniamo in sintonia con il messaggio di Papa Francesco che nei giorni scorsi ha ringraziato chi si adopera per il prossimo nella pandemia, paragonandolo a San Giuseppe: l’uomo che passa inosservato. La statuina, inoltre, sarà collocata nel bel Presepe del Duomo di Massa a fianco di altre statuine che rappresentano in vario modo mestieri artigiani o coltivatori che sono anche i mestieri delle persone che rappresentiamo qui oggi”.

Il Vescovo Santucci da parte sua ha accolto e ringraziato per il gesto Coldiretti e Confartigianato sottolineando l’importanza della sensibilità mostrata e la vicinanza del mondo del lavoro ad una categoria di operatori professionali che nel silenzio e grande professionalità cerca di arginare la drammatica situazione che stiamo vivendo in questo periodo molto difficile.