LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

La Fondazione Marmo finanzia lo smaltimento dei rifiuti: ora l’istituto Tacca può tornare operativo foto

La rimozione dei residui delle lavorazioni, che erano stati accumulati in un cassone scarrabile, permetterà agli studenti di tornare a utilizzare il laboratorio

CARRARA – I laboratori dell’Istituto professionale per il marmo “Pietro Tacca” di Carrara potranno riprendere le attività a pieno regime. La Fondazione Marmo ha infatti provveduto, tramite una società specializzata, a organizzare e finanziare lo smaltimento del “cocciame” e degli altri materiali accumulati nel tempo durante le esercitazioni degli studenti. Un’operazione fondamentale, supportata dalla Fondazione con uno stanziamento di 4mila euro, che va nella direzione intrapresa da tempo di riqualificazione complessiva della Scuola del Marmo, lo storico istituto professionale che dalla fine dell’Ottocento non ha mai smesso di insegnare alle nuove generazioni a conoscere e a lavorare i materiali lapidei con tecniche sia tradizionali sia moderne.

«Si tratta di una realtà unica sul territorio, capace di attrarre studenti da tutto il mondo – ha dichiarato Bernarda Franchi, presidente della Fondazione Marmo -. La Fondazione da tempo si è data la mission di valorizzare questo scuola dove ogni anno quasi settanta alunni, tra ragazze e ragazzi, apprendono i segreti del nostro marmo per trasformarlo nella loro professione. Ci impegneremo affinché questo istituto diventi sempre di più il punto di riferimento formativo nel settore lapideo a livello nazionale e internazionale».

La rimozione dei residui delle lavorazioni, che erano stati accumulati in un cassone scarrabile, permetterà agli studenti di tornare a utilizzare il laboratorio, un luogo fondamentale per l’attività didattica, articolata su due bienni ed un quinto anno, con stage, visite aziendali ed esperienze scuola-lavoro che garantiscono ai giovani un notevole livello di qualità e coinvolgimento.