Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Ambulanti, dalla Regione arriva la proroga delle concessioni fino al 2032

Sono circa 14mila imprese che in Toscana aspettavano il rinnovo. Presente una delegazione di Anva Confesercenti con il presidente nazionale Maurizio Innocenti.

TOSCANA – Le linee guida nazionali sono state approvate a fine novembre e la Regione ha proceduto velocemente a recepirle e ad approvare le modalità operative in modo da consentire ai Comuni di procedere con i rinnovi delle concessioni di posteggio per il commercio ambulante, che scadevano il 31 dicembre.

Del resto la Regione Toscana con la sua legge 16/2019, unica in Italia, era già un pezzo avanti e già avevo previsto il tacito rinnovo, per una durata di 12 anni, delle concessioni in scadenza. La possibilità era stata poi confermata dallo Stato a maggio 2020, con il decreto legge n.34 che rinviava appunto a linee guida da approvare, per tutti uguali, in modo da garantire una regolamentazione uniforme nell’intero Paese. Nella norma nazionale che definisce quelle linee guida il Governo ha esteso a tutta Italia quanto già previsto dal codice del commercio toscano.

Sono circa 14 mila imprese che in Toscana aspettavano il rinnovo della concessione: ambulanti che stanno vivendo la crisi innescata dall’emergenza sanitaria e lo stop imposto a molti mercati.

Sono oggetto di rinnovo le concessioni per l’esercizio del commercio su aree pubbliche relative a posteggi inseriti in mercati, fiere e isolati, compresi quelli finalizzati a svolgere di attività artigianali, di somministrazione di alimenti e bevande, delle edicole di quotidiani e periodici e di agricoltori che vendono i loro prodotti. LE concessioni saranno rinnovate fino al 31 dicembre 2032, dunque per dodici anni.

“L’approvazione delle linee guida è una buona notizia, che evita di aggiungere ulteriori criticità ad un’economia che sta soffrendo per le misure anticontagio imposta dall’emergenza da coronavirus – commentano il presidente della Toscana Eugenio Giani e l’assessore al commercio e allo sviluppo economico Leonardo Marras – Abbiamo subito recepito le linee guida nazionali e approvato le modalità operative regionali con le indicazioni per i Comuni. E siamo la prima Regione ad averlo fatto”. “Avevamo comunque già scritto nelle settimane scorse al Governo e al presidente della Conferenza Stato-Regioni per sollecitare un’accelerazione – aggiungono – ed eravamo in ogni caso  pronti a procedere ipotizzando anche una soluzione autonoma, laddove la situazione non si fosse sbloccata”.

Hanno atteso la firma dell’atto di fronte alla sede della riunione una delegazione di Anva Confesercenti Toscana nord insieme al presidente nazionale Maurizio Innocenti. “E’ stato lo stesso assessore Leonardo Marras – commentano il presidente Anva Toscana Nord Leonetto Pierotti ed il responsabile Claudio Del Sarto – a scendere per comunicarci l’avvenuta firma. Si tratta del compimento di un lavoro iniziato ormai due anni fa con l’approvazione del tacito rinnovo delle concessioni in Toscana, unica in Italia, che ha dato il via ad un percorso nazionale e che oggi si chiude in Toscana con grande soddisfazione delle imprese e della nostra associazione”.

“Ci mettiamo alle spalle le incertezze ed i timori degli ultimi anni con il superamento di una norma che qualcuno aveva voluto applicare senza considerarne le conseguenze in termine di occupazione e sussistenza economica per migliaia di famiglie – aggiungono Pierotti e Del Sarto -Con questo atto, si pone definitivamente fine ad una assurda normativa europea che per più di dieci anni ha tenuto la categoria nella più assoluta incertezza e preoccupazione sul proprio futuro. Siamo davvero orgogliosi – concludono – del lavoro svolto da Anva sia a livello regionale che nazione per risolvere il problema, senza ricorrere a facili slogan ma perseguendo la concretezza ed i fatti ci hanno dato ragione”.