LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Fondi senza luce e acqua, slitta la partenza del progetto Carrara Si-Cura

Lo ha annunciato la presidente della commissione Attività Produttive Marzia Paita nel corso della riunione di ieri: «Sembrava fosse tutto in regola». L'opposizione: «Bisognava controllare prima»

CARRARA – “Carrara-Si Cura”, il progetto da 100mila euro finanziato al 70% dalla Regione per rilanciare il centro storico, probabilmente non partirà con le feste natalizie come pronosticato. Sembrava imminente l’apertura di tre fondi sfitti in via Santa Maria da destinare ad attività artistiche, culturali e turistiche, ma ieri, durante la riunione della Commissione Attività Produttive, la presidente Marzia Paita ha annunciato che sono sorte diverse problematiche. Addirittura mancherebbero, nei fondi messi a disposizione, acqua, luce e messa a terra. “Sembrava fosse tutto in regola – ha spiegato Paita – invece così non è. E con questi problemi ritarderemo nella stipulazione dei contratti con gli enti coinvolti. Vogliamo aprire questi fondi in sicurezza ma anche in maniera decorosa. Mi auguro si possa risolvere tutto il prima possibile: ricevo chiamate tutti i giorni da persone pronte ad investire sul centro storico. Ma quando sorgono certe problematiche si complica tutto”.

Il consigliere pentastellato Giovanni Montesarchio ha poi evidenziato come nel momento in cui i proprietari mettono a disposizione il fondo firmano un’autocertificazione in cui si assicura l’agibilità. Ma dall’opposizione, il consigliere Andrea Vannucci non è comunque convinto. “Qualcuno avrebbe dovuto controllare che tutto corrispondesse. Le verifiche forse andavano fatte prima, e non soltanto adesso. Alla fine non si tratta di spazi enormi”.