Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Internalizzazione Cup, la risoluzione del Pd a Massa attaccata dalla destra

Amorese (Fdi): «Vogliono prendersi i meriti, non sono coerenti». Alberti (Pd) replica: «Il mio testo non è uguale a quello della destra di Luglio»

MASSA – La mozione del consigliere comunale del Pd Stefano Alberti riguardante l’internalizzazione dei lavoratori Cup ha creato scompiglio durante la riunione del consiglio cittadino di ieri, lunedi 23 novembre.
«Questa è una presa in giro nei confronti delle isituzioni, ma anche per i lavoratori. – ha commentato Nicola Martinucci, consigliere della Lega – Noi questa mozione l’abbiamo presentata a Luglio e la sinistra stessa votò contro per la paura di eventuali strumentalizzazioni politiche della questione. Il mio voto favorevole a questa risoluzione è un voto di coerenza. Se vogliono le medagliette se le prendano, ma sono di cartone.»

Non è dello stesso avviso Stefano Alberti, accusato di aver plagiato la destra e che la mozione l’ha presentata: «Il mio testo non è uguale a quello presentato a luglio. Eravamo in periodo di elezioni e ci furono molte strumentalizzazioni. Credo che la Toscana sia una regione da prendere per esempio sotto il punto di vista della sanità. Non possono esserci più indugi, la Regione deve completare il percorso di internalizzazione».

Si astengono dalla votazione, approvata dal resto dei consiglieri, gli esponenti del Movimento 5 Stelle che vogliono porre l’attenzione sull’iter di internalizzazione di questi lavoratori, secondo loro troppo spesso omesso.
«Meno risoluzioni e più fatti. – commenta invece Alessandro Amorese, capogruppo dei consiglieri di Fratelli d’Italia – Questa è una risoluzione ridicola, vogliono prendersi i meriti di un’eventuale successo. Se a luglio non ci avesse pensato il centro destra, quando c’era il bisogno, la sinistra non avrebbe fatto nulla» .