LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Covid, Casani (Asl) tranquillizza: «A Fivizzano messe in atto tutte le misure per garantire la massima sicurezza»

La direttrice generale interviene dopo le polemiche dei giorni scorsi: «Confermo quando affermato dal primo cittadino. Il percorso è stato ampiamente condiviso con le istituzioni e con il personale»

FIVIZZANO – “Ringrazio il sindaco Gianluigi Giannetti per la serietà e la completezza del suo intervento in relazione all’apertura dei letti di cure intermedie all’interno della struttura di riabilitazione a Fivizzano, così come ringrazio la direzione della Don Gnocchi per la collaborazione che ha garantito in un momento particolarmente difficile e delicato come quello che tutti stiamo attraversando”.

Maria Letizia Casani, direttore generale della Asl Toscana nord ovest, interviene in relazione all’apertura dei posti letto covid all’interno della Don Gnocchi a Fivizzano.  “Confermo quando affermato dal primo cittadino. Il percorso è stato ampiamente condiviso con le istituzioni e con il personale che presta servizio all’interno del reparto e voglio ribadire che la disponibilità offerta dalla Don Gnocchi ci ha permesso di non sacrificare, per quanto possibile, l’attività ospedaliera che continua con regolarità a erogare le prestazioni ordinarie. La Lunigiana, in particolare nella prima fase della pandemia, ha pagato un costo altissimo in termini di vite umane e di cittadini che si sono ammalati, per questo sono ancora più vicina a tutta la comunità che con grande generosità ha compreso l’importanza della solidarietà nei confronti di chi sta rivivendo oggi  quei tristi momenti”.

“Mi preme tranquillizzare tutti, cittadini e istituzioni, relativamente alle misure messe in atto per garantire la sicurezza dei pazienti e del personale all’interno del presidio ospedaliero e al reparto di riabilitazione. Infine, un sentito grazie anche da parte mia a tutti gli operatori sanitari che giornalmente vigilano con professionalità sulla nostra salute”.