Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

«Aperti dieci nuovi posti letto all’ex Ospedale di Massa. A breve altri sei»

L'annuncio di Usl Toscana nord ovest: «A regime i posti letto nel vecchio nosocomio saranno quindi 49»

MASSA – Sono stati aperti ieri, 16 novembre, a Massa, nel vecchio ospedale ora adibito a struttura Covid, ulteriori 10 posti letto che vanno ad aggiungersi ai 26 posti letto già attivati. Altri 6 verranno aperti entro breve sempre nell’ex ospedale massese. Ad annunciarlo l’azienda Usl Toscana nord ovest, che dà una prima conferma quindi a quanto anticipato ieri da Giuliano Biselli, direttore dell’Ospedale Apuane, e da noi riportato (LEGGI QUI).

“A regime i posti letto nel vecchio nosocomio saranno quindi 49 – specifica l’asl – visto che complessivamente le cure intermedie Covid saranno ulteriormente incrementate di 13 posti letto”.

“Giovedì 19 novembre – comunica poi l’azienda – 10 letti di cure intermedie verranno aperti anche all’ospedale di Piombino, negli spazi finora riservati all’ospedale di comunità che solo temporaneamente si trasferirà nel reparto di Ostetricia perché sede logisticamente più funzionale. Nei giorni successivi altri posti letto Covid dedicati alle cure intermedie saranno a disposizione nei vari  territori dell’Azienda Usl Toscana nord ovest”.

“L’apertura dei nuovi letti è fondamentale in questo difficile momento – sottolinea l’asl – perché permette di alleggerire la pressione sugli ospedali Covid dell’azienda e rappresenta un’ulteriore risorsa per il territorio e per quei pazienti che, seppur in condizioni di stabilità e di miglioramento, necessitano ancora di cure mediche prima di poter essere dimessi e ritornare al proprio domicilio. L’integrazione tra territorio ed ospedale permette infatti di venire incontro alle esigenze dei cittadini e per questo l’azienda ringrazia tutti gli operatori sanitari che quotidianamente svolgono con impegno e professionalità il proprio prezioso lavoro in questo ambito ed anche gli operatori degli uffici tecnici che stanno effettuando gli interventi di adeguamento necessari”.