Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Dal 15 novembre obbligo di catene a bordo su tutte le strade provinciali

MASSA CARRARA – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato della provincia sull’obbligo di catene a bordo che entrerà in vigore dal 15 novembre su tutte le strade di competenza della provincia:

«Il clima decisamente mite di questi giorni non invita a pensare che siamo alle porte dell’inverno, ma il calendario del Codice della strada non può tenere conto di queste variabili.

Come tutti gli anni, quindi, a partire dal 15 novembre 2020 e fino al 15 aprile 2021 entra in vigore l’ordinanza del dirigente del Servizio Tecnico della Provincia di Massa-Carrara che istituisce l’obbligo di circolare su tutte le strade di competenza della Provincia di Massa-Carrara con speciali pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o ghiaccio, o in alternativa, di circolare disponendo a bordo del veicolo, di idonei mezzi antisdrucciolevoli.

L’obbligo vale, lo precisiamo, dove è presente apposita segnaletica, così come prevista dal codice della strada e dal suo Regolamento di attuazione, ed è valido anche al di fuori del periodo indicato al verificarsi di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio.

Nel periodo in cui è in vigore l’obbligo i ciclomotori a due ruote e i motocicli possono circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla strada e di fenomeni nevosi in atto. Il provvedimento, come prevede il codice della strada, regola nel
periodo invernale la transitabilità sulle strade provinciali, che, lo ricordiamo, per lo più corrono nelle aree interne del territorio e soprattutto in zone di montagna.

L’ordinanza è stata adottata in considerazione del fatto che durante i periodi di possibile formazione di ghiaccio sul piano viabile e di precipitazioni a carattere nevoso, si sono riscontrati disagi per la circolazione stradale anche con un aumento degli incidenti, disagi che condizionano pesantemente il regolare deflusso del traffico lungo le strade provinciali.

Occorre evitare quindi che i veicoli in difficoltà possano produrre blocchi della circolazione ed essere fonte di pericolo per gli altri utenti della strada, rendendo per altro difficoltoso se non impossibile l’espletamento dei servizi emergenza, pubblica utilità, antighiaccio e sgombero neve.»